L’importanza di avere una guida gratis di Nicola Losito

Pubblicato: 26/04/2011 in articolo
Tag:, ,

 

clip_image001

Sono appena tornato da una breve vacanza con mia moglie a Roma e adesso sto riordinando foto e pensieri relativi a questa bellissima fuga da Milano, fuga realizzata complici la Pasqua alta e la promessa dei figli di bagnare in nostra assenza le piante nella terrazza del nostro appartamento.

Mancavo da Roma più o meno da trent’anni e desideravo, vista la mia non più tenera età, visitarla di nuovo prima che fosse troppo tardi.

Abbiamo affittato una camera per cinque giorni in un vecchio ma decoroso palazzo a Trastevere e da lì partivamo ogni mattina per una nuova esplorazione della città.

Trastevere è una bellissima zona della città: qui si può ancora vedere la Roma delle piccole botteghe piene di merce di ogni tipo, dei mille ristoranti a buon prezzo dove si mangia a quattro palmenti cibi ricchi di sapori meridionali, serviti alla buona da camerieri dalle mille razze su tavoli traballanti, disposti sui marciapiedi.

Per certi versi l’ambiente che si ammira a Trastevere assomiglia molto ai milanesissimi Navigli: in entrambi questi luoghi popolari la confusione e l’allegria regnano sovrani.

In cinque giorni abbiamo visitato praticamente tutta la Roma Antica, il Foro romano, il Colosseo, il Pantheon, Trinità dei Monti, il Quirinale, Fontana di Trevi, Piazza Venezia,Piazza Navona, Villa Borghese, il Palatino, l’Esquilino, l’Aventino, Castel Sant’Angelo, San Pietro e mille altre chiese, il Tevere e l’isola Tiberina, eccetera, eccetera, spendendo pochissimo: praticamente due biglietti del tram al giorno, uno per l’andata e l’altro per il ritorno.

Come abbiamo fatto a visitare così tanti luoghi importanti in così pochi giorni?

Vi svelerò il mio segreto. Basta avere una guida valida, una guida che tra l’altro non costa nulla.

Mia moglie Chicca.

Le ho dato in mano una cartina della città, le ho acquistato una guida aggiornata del Touring Club e lei mi ha portato a visitare, senza il minimo affanno, tutte le bellezze di Roma.

Unico pegno da pagare ogni sera era una ricca cena a Trastevere da Giovanni e un buon bicchiere di vino rosso.

Vi assicuro che è stato un prezzo davvero equo.

Piacerebbe anche a voi avere una moglie del genere?

Annunci
commenti
  1. Giusy ha detto:

    No, a me non piacerebbe avere moglie – punto –
    Eh eh, scherzi a parte, hai ragione, saper muoversi è importante. Brava Chicca. Saluto entrambi 🙂
    Giusy

    • Nicola ha detto:

      ahhahahah, come ti capisco Giusy!
      A volte, però, un marito incapace come me deve arrangiarsi come può.
      Che le mogli servano a far da guida in ogni senso e ovunque è cosa nota…
      Nicola

      • Giusy ha detto:

        Eh eh, è vox populi 😉
        Per me, dove non bastiamo io e mio marito, il GPS salva la giornata 😀

  2. Nicola ha detto:

    Chicca batte il GPS dieci a zero, giuro! 😀

  3. Sissa M. ha detto:

    Ma le piante ve le hanno bagnate o avete trovato il deserto in avanzamento?
    Brava Chicca!
    Carissimi saluti
    Sissa

    • Nicola ha detto:

      ahem… mai fidarsi completamente dei figli.
      Soprattutto nei periodi di festa.
      Qualche giorno ancora e avremmo davvero trovato la terrazza desertificata!
      Per fortuna alcune piante, come i gatti, hanno sette vite e stanno riprendendosi.
      La prossima volta che partiremo per un viaggio daremo l’incarico al portiere…
      Come vedi, dalla vita non si può avere tutto.
      Nicola

  4. mariangela ha detto:

    ciao Nicola.. ovviamente sei forte.. chicca sarà felice del tuo riconoscimento!
    personalmente amo andare a zonzo senza troppa foga organizzativa, adoro farmi guidare dall’istinto e se poi qualcosa perdo lo recupero in relax.. in fondo anche l’organizzare è un pò uno stress..
    a sabato! mariangela
    ps.: ho inviato anch’io il racconto al corriere.. comunque vada trovo questa modalità di concorso divertente!

  5. Nicola ha detto:

    Avere una guida gratuita in famiglia ha altri vantaggi: non sono previsti tour de force, posso protestare quando le cose da visitare sono troppe… e se lei si lamenta si salta la cena al ristorante… ahahahah
    Noi due amiamo visitare i luoghi belli ma entrambi siamo consapevoli delle nostre forze…
    La permanenza a Roma è stata gradevole proprio perché ce la siamo presa comoda.
    A parte il primo giorno che, accecati dall’entusiasmo, abbiamo girato per otto ore a piedi…
    Ma, una tantum, è lecito impazzire.
    Ho letto il tuo racconto e mi è piaciuto. Vedremo il seguito.
    A sabato.
    Nicola

  6. mariangela ha detto:

    vorrei comunicarti un’emozione di ieri pomeriggio.. se hai una mail, oltre il blog, te la posso inviare?
    ciao!!!!!!!!!!!!!!!
    mariangela

    • Nicola ha detto:

      Certo che puoi!
      La mia mail personale è la stessa con cui ricevi gli avvisi di lettura del blog.
      A presto risentirci.
      Nicola

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...