Guardate queste due belle foto:

valigia1

viaggiare-bambini

il sorriso stampato sui volti di questi due bambini dimostra che la vera felicità è partire. A contrastare l’universalità di questa affermazione c’è che, prima di qualsiasi viaggio, bisogna espletare un noiosissimo compito…

“Prepariamo le valige?”

La domanda  non è indirizzata a voi, care lettrici/cari lettori, ma è l’invito che mia moglie mi rivolge ogni qual volta si è in partenza per una vacanza, un weekend o un viaggio. La sua – sia chiaro – è una richiesta legittima, ma è assolutamente irricevibile dal sottoscritto.

Un attimo di pazienza e saprete perché.

Il prossimo 28 luglio ricorre il nostro 44° anniversario di matrimonio e, non essendo ancora completamente rimbambito, significa che mi sono sposato giovanissimo. In pratica, appena laureato, sono uscito dalle grinfie dei miei genitori (più che altro da quelle – fin troppo amorevoli – di mia madre), e sono caduto subito nell’altrettanto amoroso “trappolone” costruito per me dalla mia futura moglie. Non scandalizzatevi per la libertà con cui esprimo i miei pensieri più reconditi: mamma e papà sono in paradiso da parecchi anni e Chicca, la mia metà, non legge mai i miei post. Occhiolino

L’intervallo tra la mia uscita dalla casa paterna a Bologna e l’entrata in quella di Milano in cui abito tuttora fu, giorno più giorno meno, dell’ordine di un anno, cioè, all’epoca del “fattaccio”, pur disponendo di un buon stipendio, non ebbi nemmeno il tempo di godermi da “single”,  una vacanza in luoghi esotici. Da bambino le vacanze le facevo con la famiglia, ospite dei nonni in campagna e, da più grandicello, le finanze di casa mi permettevano, in estate, al massimo una settimana presso la riviera romagnola (Porto Corsini) in campeggi molto economici insieme ad amici della mia stessa età. Ricordo che dormivo in una tendina canadese presa a noleggio, dentro un sacco a pelo e con il minimo indispensabile di vestiario stipato alla bell’e meglio in una piccola tracolla di stoffa. Logico, dunque, che io non abbia mai imparato a preparare una valigia, quella “cosa” rettangolare di cuoio o di plastica dura, munita di cerniere, manico e (oggi) anche di rotelle, dove si depongono, piegati come si deve, tutto quello che occorre quando si parte per un viaggio e si sta via un po’ di giorni…

Nessuno me l’ha mai insegnato!

Da piccolo questo difficoltoso impegno se l’assumeva mia madre – lei era una maniaca del: “nelle valige tutto deve stare ben piegato e con un ordine logico”  e non permetteva alle mie manine di rovinare il suo lavoro di esperta donna di casa. Oltre questo, essendo l’erede maschio di una famiglia meridionale  tradizionalista, godevo di privilegi sconosciuti alla mia unica sorella (la figlia maggiore). Dunque per diritto di nascita avevo il permesso di stare alla larga dalle valige. Occhio, questo non vi autorizza affatto a pensare che fossi trattato come un principino! Al contrario, mia madre pretendeva da me l’impossibile: dovevo essere un modello per tutti i mocciosi del caseggiato. Non ridete! Vorrei vedere voi a rappresentare l’emblema della buona creanza, dell’igiene personale, dell’accuratezza nel vestire e nel parlare, mentre state giocando a calcio in un cortile di periferia. Le peggiori parolacce le ho imparate lì ma, per fortuna, non me n’è mai scappata una in presenza dei genitori. Sarebbero volati scapaccioni e altre ben più severe punizioni. In casa mi davano pochi lavoretti da sbrigare perché la  missione che mi era stata assegnata era quella di studiare sodo per ottenere il più in fretta possibile quel famoso pezzetto di carta da incorniciare.

Completata velocemente l’Università, avrei trovato di sicuro un buon impiego e così, col mio stipendio, avrei potuto partecipare  al ménage famigliare. Insomma, la mia vita di bambino e poi di ragazzo, sotto certi aspetti, è stata parecchio impegnativa.

Riuscii a laurearmi nei tempi (quasi) canonici e due mesi dopo trovai lavoro a Milano. Contrariamente alle previsioni, aiutai ben poco i miei genitori, infatti un anno più tardi, dopo un fidanzamento lampo, mi sposai. I miei veri problemi esistenziali cominciarono al momento di partire per il viaggio di nozze. Alla domanda: “Allora, Nicola, prepariamo le valige?”, Chicca si trovò davanti agli occhi il sorriso ebete di uno che non aveva capito di cosa si stesse parlando. Ho dovuto ammettere, quel giorno, i tanti difetti strutturali che le avevo nascosto per timore di perdere la donna che reputavo la più giusta con cui formare una famiglia e progettare tre figli.

Quel giorno ho rischiato parecchio: le ho confessato anche che non mi piacevano le verdure cotte, il pesce lesso e altri cibi di cui lei andava matta e che la mia religiosità era all’acqua di rose, mentre lei era ed è una fervida credente. Chicca non mi lasciò al mio destino solo perché ero un giovanotto simpatico (!), intelligente (!) e un grande lavoratore.

Da quel momento lei si è spesa per farmi apprezzare minestre e pietanze della tradizione milanese che, da figlio orgoglioso di meridionali qual sono, trovavo incompatibili col mio delicato palato e, soprattutto con le mie abitudini alimentari pregresse. In 44 anni di convivenza lei ha vinto parecchie battaglie nei miei confronti, ma una in particolare non ha mai capito di averla irrimediabilmente persa: preparare le valige. Infatti ancora oggi, lei non molla l’osso e ogni volta, prima di partire per un viaggio, mi convoca in camera da letto, davanti al nostro grande guardaroba, e mi fa la stessa domanda.

Indovinate quale. A bocca aperta

Sinceramente mi secca che pensiate che io sia un incapace cronico e che non abbia mai tentato di imparare ad arrangiarmi da solo: il mio problema irrisolto e irrisolvibile è piegare bene le camicie e le giacche che stanno appese negli armadi. Uno dei miei primi tentativi portò a un risultato disastroso:

Valigia

I successivi tentativi, pur mettendoci la più buona volontà di questo mondo, non migliorarono di molto la faccenda, cosicché mia moglie e io stipulammo un patto che vale ancora oggi: lei studia e scrive la lista dell’abbigliamento e prepara le valige, in cambio, per tre giorni consecutivi, io faccio la spesa, preparo colazione pranzo e cena, apparecchio, sparecchio e faccio andare la lavastoviglie. Lo so, lo so: per un vero uomo questo è un patto capestro ma, alla fine della fiera, vista la mia conclamata inettitudine a trattare in modo corretto (e intelligente) qualsiasi capo di vestiario che non sia già piegato, mi è convenuto mandare giù l’amara pillola e sottoscriverlo.

Qualcuno si chiederà il perché di questo post su un argomento tanto futile: la risposta è semplice. Il 30 di aprile, mia moglie e io, andremo in Turchia con un gruppo organizzato e, mancando meno di dieci giorni alla partenza, in casa c’è già sentore di tragedia greca. Chicca è entrata in fibrillazione. L’atmosfera si sta saturando sia di domande a cui occorre dare immediata risposta, sia di affermazioni perentorie difficili da confutare. “Oddio, porteremo roba leggera o pesante? Invece di buttare via il tuo tempo col blog, guarda su Internet che clima c’è in primavera in quel paese! Devi provare i tuoi pantaloni, mi sa che sei ingrassato! Visto che viaggiamo con le stesse persone, dell’anno scorso ovvio che non possiamo indossare sempre gli stessi vecchi vestiti! Domani si esce a far compere, chiaro?”

Che altro potevo rispondere, dato che odio andare in giro per negozi?

Mi spieghi perché diavolo dovremmo rifarci il guardaroba per visitare la Turchia?”, ma mia moglie ha fatto finta di non sentire.

Ringraziando il cielo, sono ingrassato di pochissimo e, al limite, necessito di un pantalone di scorta. Fortuna vuole che lei abbia trovato nell’armadio almeno un paio di vestiti comprati e mai indossati e che le stanno ancora bene… Quindi l’operazione vestiario last minute durerà al massimo mezza giornata, così mi potrò finalmente concentrare sui menù e sul conseguente elenco di cibarie da acquistare per i tre giorni di corvè obbligatoria che mi attendono prima della partenza per la nostra breve vacanza all’estero.

Ma chi l’ha detto che la vera felicità è partire?!?! Mi rotolo per terra dalle risate

Alla prossima!

Nicola

P.S.

Solito avviso sulle immagini del post: non sono di mia proprietà e un grazie di cuore va ai due sconosciuti autori.

Annunci
commenti
  1. in fondo al cuore ha detto:

    Ci sono cose in cui l’universo maschile è negato (tranne una piccola minoranza)….una di queste è la valigia, le donne imparano sin dalla giovane età a giocare a tetris e ottimizzare ogni cm quadrato di spazio…..non ci batte nessuno! hahahahahaha……
    Buon inizio settimana! 🙂 e buon viaggio!

    • Nicola Losito ha detto:

      Anch’io sono convinto di non essere l’unico al mondo incapace di fare bene una valigia, però quei pochi maschi che sanno sbrigarsela da soli – secondo me – se la tirano in modo esagerato. Un pochino come fate voi donne certe volte… 😀
      Grazie, e speriamo che il tempo sia bello in Turchia.
      Nicola

  2. tramedipensieri ha detto:

    Che spasso che sei… se si può dire, eh…

    E disfarle, le valige..?
    Dai però poco male…se t’impegni a fare tutto il resto, va bene!

    buonecose
    e buon viaggio “turchese”
    ciao
    .marta

    • Nicola Losito ha detto:

      Disfare le valige è semplicissimo. Chicca è maniaca della pulizia e tutto ciò che è stato usato in vacanza va nella cesta della biancheria da lavare. Fin lì ci arrivo anch’io… ahahahahah
      Grazie e a presto.
      Nicola

  3. Sissa ha detto:

    Ti prego porta la videocamera e un quadernino di appunti: io aspetto il resoconto del viaggio!!!
    Ciao
    Sis
    P.S. Ho un marito drago nel fare le valige, la spesa, la lavatrice, che cucina ottimamente, si occupa della rete di casa…
    Mai che si creasse un blog e si facesse un po’ di sani cavoli suoi…!
    Prima che tu parta ci sentiamo senz’altro per altre vie.

    • Nicola Losito ha detto:

      Quest’anno vedrò cosa a riesco a fare con la videocamera: con un solo braccio funzionante le mie riprese verranno più scentrate del solito… 😀
      Userò di più il quadernino e mi affiderò a Internet.
      Per quanto riguarda tuo marito: tu non ti rendi conto della fortuna che hai! Sono sicuro che Chicca farebbe il cambio con quell’inefficiente di suo marito… ahahahahahah
      A risentirci presto.
      Nicola

  4. stravagaria ha detto:

    Io sono una maga delle valigie 😉 abilità ereditata dal mio papà per quel che riguarda lo stoccaggio e dalla mamma per il contenuto ma da piccola la partenza si trasformava in una vera e propria guerra domestica e ho sempre odiato il momento delle valigie…
    Godetevi il viaggio e comprate quel che manca mentre siete via 🙂

    • Nicola Losito ha detto:

      Tanto di cappello alla capacità di voi donne di riempire (bene) quelle maledette “cose parallelepipede” che si usano durante i viaggi! Bello sarebbe potere partire con i soli vestiti che si indossano per coprirsi… 😀
      Speriamo che in Turchia non piova come qui in questi giorni.
      Altrimenti, addio divertimento, visto che porteremo solo abiti leggeri e un unico maglione!
      Nicola

  5. rossodipersia ha detto:

    Io sono bravissima a preparare le valigie, disfarle in albergo, prepararle di nuovo per ripartire (cosa ancora più difficile) e stirare le camicie da uomo in maniera impeccabile: che fate, mi portate pure a me?? 🙂

    • Nicola Losito ha detto:

      Se dipendesse da me, ti porterei volentierissimo, mi sa, però, che mia moglie Chicca (anche lei brava a fare e disfare valige) non apprezzerebbe… ahahahahah
      Ciao
      Nicola

  6. Antonio ha detto:

    Condivido in pieno le tue pene. Solo che a casa mia sono io a sollecitare la preparazione delle valigie, che non so fare, perchè la mia dolce metà, ritardataria per natura, si ridurrebbe a farle la sera prima ! Con conseguenze disastrose per i contenuti…mancanti al momento opportuno…
    A presto Antonio

    • Nicola Losito ha detto:

      Un po’ di solidarietà fra noi inetti a quel noiosissimo compito ci vuole: è che noi siamo bravi in tante altre cose che le nostre mogli manco se lo sognano! 😀
      Manca poco alla partenza, vero?
      Ci vediamo all’aeroporto.
      Nicola

  7. Vd1cgnd ha detto:

    Ci aspettiamo un racconto della Turchia allora. Buon viaggio

  8. passoinindia ha detto:

    Buona Turchia!

  9. primaepoi ha detto:

    Preparate le valigie???? 😉

    • Nicola Losito ha detto:

      A volte me lo chiedo anch’io: perché preparare le valige? Sarebbe fantastico viaggiare senza.
      Mia moglie è intransigente ( 😀 ) e a certe comodità ci tiene. Io ho la fortuna che a farle ci pensa lei. Vuoi mettere?
      Nicola

  10. sguardiepercorsi ha detto:

    Buon viaggio! 🙂

  11. fulvialuna1 ha detto:

    Hai scritto da manuale. Ci hai messo tutto: uomo, donna, compromesso, amore, la storia della tua vita, la sottomissione, la prova alla ribellione, la resa e..la Turchia. Beato a te. Vai e goditela con la tua Chicca (44 anni insieme, mica briciole), anche con la valigia tutta accartocciata.

  12. Rosanna ha detto:

    Mi sono divertita assai nella lettura del racconto … (spero tu tenga conto che sono una tua fedele lettrice… quando si tratterà di partecipare nuovamente a una “sfida” … Tu sai di cosa parlo!).
    Buon viaggio. Leggerò con piacere il resoconto. Saluti affettuosi a Chicca, anche da parte di Raf.

    • Nicola Losito ha detto:

      In Turchia cercherò amuleti in grado di donarmi un po’ di fortuna e solo se li troverò accetterò una nuova sfida con te e Raf. Sono stanco di arrivare sempre ultimo… ahahahahah
      Ci sentiamo al nostro ritorno in Italia.
      Nicola

      • Rosanna ha detto:

        RAF protesta perchè troppo spesso occupi il suo posto abituale in classifica! Ciao ciaooo

  13. Tina Di Benedetto ha detto:

    io devo ammettere che quando ero più giovane (lo sono ancora ma intendo quando avevo 20-25 anni) adoravo fare le valigie. Credo fosse soprattutto per l’idea che rappresentano, il partire!poi man mano ammetto che la cosa è cambiata… spesso mi distrugge l’idea proprio della valigia!!ho ridotto al massimo i vestiti e qualsiasi altra roba inutile 🙂

  14. anna maria liuzzi ha detto:

    ciao nicola,
    tu vai in turchia, mentre io sono appena arrivata dalla nostra puglia.
    a tarda sera, quando i lampioni si specchiano sui lastricati, rivivo ancora certe atmosfere di quando ero bambina. amo la pietra. e la nostra in particolare!
    per quanto riguarda le valigie, mi sento fortunata: nessuno mi bacchetta perché a nessuno è dato controllarmi. di solito le preparo un paio d’ore prima di partire e ti lascio immaginare. ma quando prendo l’aereo, mi impegno un po’ di più, perchè una volta hanno controllato il mio bagaglio e sono arrossita nel vedere il viso del contollore. mi raccomando, non dirlo a nessuno però: alle donne di casa certe cose non si perdonano, come avviene coi maschietti, accipcchia.
    buon viaggio,
    annamaria

    • Nicola Losito ha detto:

      Ahahahahah, così ti hanno scoperto una volta e questo ti ha costretto a fare le valige con più cura. Beh, ovvio che se non prendi l’aereo, puoi tornare al solito metodo sbrigativo… 😀
      Anch’io ho nostalgia della mia amata Puglia: se i parenti che abitano ancora lì mi invitano, forse quest’estate faccio una scappata…
      Ciao Annamaria e a presto.
      Nicola

  15. Andrea Magliano ha detto:

    Intanto buon viaggio, ormai si avvicina! Divertiti mi raccomando e spero ci racconterai appena torni qualcosa 😉 E per il discorso valige, anche io non amo particolarmente farle! Anche se ahimè tocca farle eheh Pensa che, quelle rare volte che vado in vacanza o da qualche parte ospite, non disfo neanche più la valigia. La metto in un angolo e quando ho bisogno frugo alla ricerca di qualcosa! La motivazione ufficiale: bisogna godersi ogni secondo delle vacanze o dell’ospitalità. La motivazione reale: odio le valige!!! Ancora buon viaggio!
    Andrea

    • Nicola Losito ha detto:

      E’ nei miei piani fare un reportage sia scritto sia filmato del viaggio in Turchia: tutto dipenderà dalle condizioni del mio braccio sinistro che mi dà ancora grossi problemi. Al limite userò solo la penna.
      Quanto alle valige, anch’io sono d’accordo con te nel non disfarle, ma questa cosa fa rizzare i capelli a mia moglie: appena si arriva a destinazione (in albergo o da amici o parenti) la prima cosa che fa è sistemare ogni cosa negli armadi a disposizione, anche se si tratta di un solo giorno.
      Fortuna che pure questo lo fa lei… 😀
      Grazie e a presto.
      Nicola

  16. Buon viaggio! Un paese bellissimo. Spero che non dobbiate fare e disfare le valige troppo spesso.

    • Nicola Losito ha detto:

      Visiteremo la Turchia in lungo e in largo e faremo diverse tappe, quindi le valige saranno da disfare e rifare parecchie volte.
      Ma non è un problema mio… io dovrò solo trasportarle. 😀
      Ciao.
      Nicola

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...