Due ore e mezza dopo aver preso l’aereo a Orio al Serio (BG), il 30 Aprile 2013, alle 16.20 siamo già fuori dall’aeroporto di Istanbul, pronti a esplorare la Turchia. Un bus e la guida locale sono lì ad aspettarci. Fatte le debite presentazioni, e stivati i bagagli, il bus ci porta al Nippon Hotel che ci ospiterà tre notti. Per colpa di un traffico caotico e di qualche intoppo dovuto ai preparativi per la festa del Primo Maggio, ad arrivare in Taksim Square dove è situato l’albergo ci abbiamo impiegato più di un’ora. Le strade extra urbane di Istanbul sono larghe e hanno parecchie corsie ma, essendo questa una città di quindici milioni e passa di abitanti, le auto e i bus sono tantissimi e non c’è possibilità di correre. In giro si vedono poche moto e anche pochi ciclisti: questi ultimi quasi più malvisti dei pedoni.

La guida, come di prammatica, in un italiano un po’ stentato ma comprensibile, ci ha subito messo al corrente di ciò che serve per orientarsi il primo giorno che si entra in un paese straniero: c’è da spostare avanti di un’ora il nostro orologio e memorizzare bene che 1 Euro è, grossomodo, pari a 2,35 Lire turche. Girando la Turchia, però, vedremo che i furbi commercianti locali accettano anche i pagamenti in euro con un cambio tutto a loro favore, cioè, dimenticando i decimali, 1 Euro ce lo valutano 2 Lire turche. Per pareggiare questa loro furbizia, i più abili di noi a contrattare insistono a chiedere uno sconto e qualche volta ci riescono.

Arrivati in albergo e posate le valige in camera è già ora di cena. L’hotel ha un fantastico self service. Per chi ama le verdure sia cotte che crude: la varietà non manca. C’è invece una scelta modesta di carne: solo pollo o carne di ovini, entrambi cotti in varie salse. Per me che sono una piaga sul cibo (non sono né vegetariano, né carnivoro, ma da buon meridionale mi piace la pasta sotto qualsiasi forma e con qualunque condimento) la mia ricerca è disperata. Trovo degli spaghetti (o qualcosa che ci assomiglia) li prendo e ci metto su del sugo che, purtroppo non sa di niente. Di pane ce n’è di tanti tipi ma tutti ricoperti di sesamo di cui sono maledettamente allergico. Salto anche il pane e passo alla zona dolci. Qui mi sbizzarrisco: riempio il piatto e mi strafogo di creme e pasticcini di mille colori ma, per uno dal palato fino come il mio, i dolci dell’albergo hanno praticamente tutti lo stesso sapore.

Finito di cenare, stanchi morti per il jet lag, mia moglie e io abbiamo appena la forza di fare quattro passi fuori dall’hotel ed entrare in un piccolo ma fornitissimo negozio per acquistare dei cerotti. Per farmi capire mimo il taglio di un dito ed emetto un grido di dolore. Il commesso sorride, si volta deciso verso uno scaffale e mi consegna una scatola con dentro proprio quello che cercavo.

Prima giornata. 1°Maggio 2013

Vista la presenza in città di molte manifestazioni per la festa dei lavoratori, il programma dell’agenzia viene variato: anticiperemo a oggi delle visite previste per domani e rimanderemo a domani quelle previste per oggi. Il nuovo elenco è il seguente:

1) Ippodromo, Obelisco di Teodosio, Colonna serpentaria, Obelisco di Costantino VII

2) Moschea Blu

3) Museo di Santa Sofia

4) Pranzo in un ristorante con terrazza panoramica

5) Cisterna Romana sotterranea

6) Palazzo Topkapi

7) Moschea Nova

8) Cena in Hotel

9) Istanbul by night in bus

A occhio si capisce che si tratta di un programma molto intenso e senz’altro dovremo correre per vedere tutto. Il bus, viaggiando a singhiozzo e con molte imprecazioni dell’autista, ci scarica in prossimità dell’Ippodromo dove ci vengono consegnate dei marchingegni elettronici che ci consentono di ascoltare (malissimo) la voce della guida anche a distanza di qualche metro. Dell’antica struttura dell’ippodromo non rimangono che poche tracce qua e là. Il circuito ora è tutto pavimentato ed è sede di mille manifestazioni commerciali. Oggi, in particolare, varie case automobilistiche presentano le vetture che hanno partecipato o partecipano a rally in zone desertiche, tipo la Paris-Dakar. Sono presenti anche i vari piloti pronti a farsi fotografare vicino ai loro multicolori bolidi e a firmare autografi. In tutto quel bailamme di gente appassionata di auto, assordati dal rombo dei potenti motori in mostra e dallo strombazzamento dei clacson, arriviamo davanti alla prima colonna egizia, l’Obelisco di Teodosio, e lì, in mezzo ad altri gruppi organizzati di varie razze cerchiamo di dare un’occhiata a quel monolite di granito ancora ben conservato, e ascoltiamo (si fa per dire) le parole della guida che ce ne racconta la storia. Proseguendo di pochi passi, si incontra la Colonna Serpentaria mutilata in cima e infine l’Obelisco in muratura fatto costruire da Costantino VII. In origine questa colonna era rivestita di lamine di bronzo, e rappresentava il punto dove i cavalli giravano durante le antiche gare equestri. Questi tre elementi hanno conservato la loro collocazione originaria nell’ippodromo.

image

Ippodromo e Colonne Egizie

In mezzo alle due Colonne Egizie c’è la Colonna serpentaria mutilata:

image

Colonna Serpentaria

Giusto il tempo di scattare delle foto e poi ci dirigiamo a piedi in direzione della famosa Moschea Blu con i suoi quattro minareti a tre balconi:

image

La Moschea Blu

Mentre aspettiamo incolonnati il nostro turno per entrare, si può dare un’occhiata al lavatoio dove i fedeli si possono lavare prima di accedere alla moschea per pregare:

image

Lavatoio

Piccola digressione: evidentemente i turchi si lavano a casa, visto che nessuno approfitta delle numerosissime fontanelle del lavatoio. La coda per visitare la moschea è lunghissima e procede molto lentamente, intanto il sole picchia duro sulle nostre teste. Vorrei approfittare del lavatoio per rinfrescarmi un po’ il viso, ma temo che il mio gesto potrebbe sembrare blasfemo. Soprassiedo ricordando che i mussulmani sono parecchio suscettibili in fatto di religione. Quando arriverà il nostro turno dovremo toglierci le scarpe e le nostre mogli, in più, dovranno coprirsi il capo con un velo. Una grande seccatura che però viene subito dimenticata appena entriamo all’interno della moschea. La Moschea Blu, infatti, ha tutte le pareti impreziosite da splendide maioliche dalle diverse tonalità di azzurri e blu. La sacralità e il fascino dell’insieme sono accentuate dalle decine di lampade che scendono dall’alto a formare cerchi di luce particolarmente suggestivi. Le lampade sono quasi ad altezza d’uomo perché un tempo funzionavano a olio e così gli addetti potevano rifornirle facilmente: oggi invece sfruttano l’elettricità e utilizzano lampadine a risparmio energetico.

image

Interno della Moschea Blu

Nella foto non si vede la folla di turisti che riempie la moschea: questo perché la zona di preghiera, che appare praticamente vuota, è chiusa da una barriera accessibile solo ai fedeli. In ogni luogo di culto c’è un punto ben preciso che indica la direzione della Mecca e, in quella direzione, è obbligatorio rivolgere corpo e preghiere. La Moschea Blu fu realizzata dal sultano Ahmet per competere in bellezza e grandiosità con Aya (Santa) Sofia, la basilica cristiana (oggi museo) fatta costruire nel VI secolo da Giustiniano che le sta esattamente di fronte, ed è qui che, di nuovo incolonnati, siamo pronti a fare la successiva visita. Lo si vede bene in questa immagine:

image

Santa (Aya) Sofia vista dall’uscita della Moschea Blu…

Nel 1453 quando Costantinopoli fu conquistata dai turchi questa basilica greco-ortodossa venne trasformata in moschea e, in epoche successive, vennero aggiunti i quattro minareti. All’interno, tutti i mosaici furono coperti in modo praticamente irrecuperabile perché l’Islam non ammette la presenza di immagini all’interno dei luoghi di culto. Nel 1935 fu trasformata in museo da Atatürk, tentando, con scarsi risultati, di riportare alla luce gli antichi mosaici. Nella foto che segue si può ammirare, ripristinato con successo, un mosaico del XII secolo, raffigurante l’imperatore Giovanni II Comneno e l’imperatrice Irene d’Ungheria che recano offerte alla Vergine con il bambino in braccio:

image

La costruzione conserva la sua ariosa maestosità anche dopo i tanti interventi subiti nel tempo per riparare i danni dovuti a incendi, terremoti, guerre di conquista. Si pensi che fino all’edificazione, mille anni più tardi, di San Pietro a Roma, la cupola di Santa Sofia era la più grande della cristianità. Dopo il crollo nel 558 provocato da un rovinoso terremoto, la cupola fu ricostruita ispessendone i pilastri e rinforzando le pareti nord e sud. Ecco una vista dell’interno dell’attuale museo che è, parzialmente, in via di ristrutturazione:

image

Nella foto si vedono, ben mescolate fra loro, le tracce del Cristianesimo e dell’Islam.

Finita la visita a Santa Sofia ci aspetta il pranzo in un ristorante che ha una terrazza con vista panoramica sulla città. Qui si sono scatenati i fotografi dilettanti e anch’io ho girato qualche minuto di riprese.

image

Skyline di Istanbul

Finito il pranzo, siamo entrati nella Cisterna romana sotterranea, scoperta nel XIX secolo. Ai miei occhi, dopo essermi abituato alle poche luci dell’ambiente, la cisterna appare come una cattedrale con le sue tante colonne immerse nell’acqua. Decido di non usare la videocamera: il filmato risulterebbe inadeguato a descrivere lo stupore (misto a un pizzico di timore per le gocce d’acqua che cadono dal soffitto) che si prova davanti a questa opera dell’ingegno umano. Su internet ho scovato questa foto scattata da un fotografo professionale di cui conosco solo il nickname: Franktao.

image

Cisterna romana sotterranea

Tornati alla luce solare, risaliamo sul bus per raggiungere un’altra meraviglia di Istanbul: il palazzo Topkapi:

image

Topkapi

Qui, immerso fra chioschi, corti in stile moresco (ampi cortili dotati di giardini ben curati e artistiche fontane) c’è l’Harem, un’ala del palazzo che ospitava le numerose mogli del sultano, ci sono le cucine con i grandi camini, una biblioteca con più di 6000 volumi e manoscritti di varie culture, il padiglione delle reliquie dei santi con i cimeli più preziosi del mondo islamico, una terrazza affacciata sul Bosforo con una straordinaria vista sul Corno d’Oro e, infine, il famoso “Tesoro” immortalato da un film di Jules Dassin che raccontava il furto di un prezioso pugnale tentato da una banda formata da un gruppo di specialisti istruiti con tecniche e disciplina militari. Nelle quattro corti si potrebbero spendere giornate e giornate per visitare ogni cosa con la dovuta calma, purtroppo ci sono troppi visitatori e le code per entrare nei luoghi più gettonati sono disarmanti. All’unanimità decidiamo di dare una veloce occhiata solo alle quattro sale del Tesoro e a poco altro. Confesso che questa visita che sembrava la più promettente dal punto di vista turistico/storico si è rivelata la più deludente di tutto il viaggio. Era possibile sostare solo pochi secondi davanti alle varie bacheche super-protette contenenti gli oggetti preziosi dei tanti sovrani che abitarono il Palazzo. Se ci si attardava qualche istante in più, chi era dietro protestava e si creavano ingorghi litigiosi con insulti urlati in varie lingue. Visto l’andazzo, al termine della seconda sala, ho lasciato perdere le altre due e sono uscito dal Tesoro imprecando fra me e me in italiano. Niente da fare per la visita all’Harem. È troppo lunga la coda dei visitatori in attesa e, in sovrappiù, nella corte in cui ci troviamo si è alzato un vento gelido che, intrufolandosi fra i nostri abiti leggeri, consiglia a tutti di lasciare perdere.

Accidentaccio! A me sarebbe piaciuto tantissimo entrare nell’harem e farci pure qualche pensierino sconcio! Ci avviamo verso l’uscita, dando, dall’esterno, un occhio alle tante e interessanti strutture del Palazzo. Più o meno tutti gli amici del gruppo sono insoddisfatti: anche in loro è viva la delusione di non avere potuto godere appieno delle bellezze del Palazzo Topkapi. La guida, per sollevarci il morale, propone, visto che non è tardi, di visitare una delle ultime moschee costruite a Istanbul, la Moschea Nova. Qualcuno (me compreso) fa una smorfia a significare: «Basta moschee, per favore!», ma la maggioranza è per il sì, perciò saliamo sul bus che ci porterà là. Arrivati sul posto, ci accoglie e ci stupisce la grandiosità della costruzione:

image

Moschea Nova

Senza lamentarci troppo ci togliamo di nuovo le scarpe ed entriamo. Anche l’interno è decisamente bello:

image

Interno della Moschea Nova

si respira un’aria di solennità e una quiete che non avevamo trovato nelle moschee più blasonate: forse ciò è dovuto a un numero più modesto e meno berciante di visitatori. Abbiamo potuto osservare tutto con calma, senza essere spintonati e invitati a uscire per far posto ad altri turisti in attesa di entrare. Un po’ rincuorati da quest’ultima visita, siamo tornati in albergo per la cena al buffet. Io, al mio solito, non ho trovato niente che mi piacesse e così mi sono abbuffato di dolci. La giornata, però non è ancora finita. Dopo cena ci attende una scorrazzata in bus per le vie di Istanbul. Il traffico adesso è scemato e si gira con più facilità: l’autista è decisamente euforico e viaggia a cento all’ora. Istanbul by night passa via lasciando ben pochi segni nel nostro immaginario. Si fa una sola sosta davanti alle mura antiche della città in un punto dove c’è un’enorme breccia creata dai cannoni dei turchi ottomani ben intenzionati a conquistare la città. Edificate in pietra, queste mura circondavano e proteggevano la città di Costantinopoli. Su Wikipedia ho letto che le mura di Costantinopoli furono fatte edificare da Costantino a partire da quando la città fu fondata come nuova capitale dell’impero romano d’oriente (324) per proteggerla da potenziali attacchi nemici sia da terra, sia dal mare. Nella più che millenaria storia dell’impero bizantino, le mura furono continuamente fortificate per rendere sempre più inespugnabile la città. L’imperatore bizantino Arcadio, visto che la città si stava espandendo, ordinò all’architetto Flavio Antemio di costruire una seconda cinta muraria, che venne edificata nel V secolo sotto il regno di Teodosio II. Questa nuova cinta muraria era molto potente e salvò diverse volte Costantinopoli da assedi condotti da avari, arabi, russi, e bulgari. Solo la polvere da sparo e i cannoni resero obsolete queste fortificazioni. Dopo due assedi, entrambi respinti, il terzo andò a buon fine e il 29 maggio 1453, un martedì, i turchi ottomani conquistarono Costantinopoli, ponendo così fine all’impero romano d’Oriente.

image

Stanchi morti, a mezzanotte, si torna in albergo. Termina così la nostra prima giornata in Turchia.

L’indomani ci aspetta un’altra scorpacciata di visite guidate a Istanbul, con un finale molto “interessante” per noi maschietti…

Bene, se siete arrivati svegli alla fine di questa mia lunga chiacchierata e avete ancora sette minuti da spendere, potete guardare il video che ho girato in Turchia e che si riferisce proprio a questa parte del viaggio. Buona visione!

Arrivederci alla prossima puntata!

Nicola

P.S.

Le foto, a parte quella della cisterna romana, sono tutte originali e le hanno scattate Giorgio Esposito, Franco Scichilone e mia moglie Chicca.

Annunci
commenti
  1. stravagaria ha detto:

    Non ho mai fatto viaggi organizzati ed è pur vero che per andare in alcuni luoghi, tra la lingua i permessi ecc. è senz’altro preferibile muoversi in gruppo ma bisogna avere un fisico resistentissimo per reggere questi ritmi! 🙂

    • Nicola Losito ha detto:

      Quand’ero giovane, quei pochi viaggi che ho fatto li ho organizzati insieme a mia moglie; oggi che ho una certa età, trovo più semplice far parte di gruppi organizzati da una buona agenzia sempre insieme alle stesse persone. Ci sono vantaggi e svantaggi, ma i secondi sono molto meno dei primi. Che ci voglia un fisico bestiale per certe sfacchinate sotto il sol leone, ti do ragione! 😀
      Nicola

  2. tramedipensieri ha detto:

    Affascinante la Moschea blu…proprio bella!
    Certo è che questi viaggi organizzati sanno di tour de force…però devo ammettere che ci sono dei luoghi che forse è preferibile fare in questo modo.
    Ho sempre viaggiato liberamente…magari vedendo la metà di ciò che si dovrebbe vedere..però insomma, il fattore sorpresa gioco un ruolo importante…

    L’accenno all’Harem mi ha fatto sorridere…

    buona giornata
    .marta

    PS: Grazie delle immagini…aspetto il seguito 🙂

    • Nicola Losito ha detto:

      Hai ragione, la Moschea Blu è una gioia per gli occhi, purtroppo c’era un tal casino di gente che premeva alle spalle e che non ci ha permesso di esplorarla al meglio.
      Viaggiare liberamente e io aggiungo, nei periodi di bassa stagione, è l’ideale per visitare bene e con calma le bellezze di questo mondo. Non sempre questo è possibile.
      L’harem è forse più visitato del tesoro di Topkapi… ci sarà pure una ragione… 😀
      Buona settimana anche a te.
      Nicola

  3. Rosanna ha detto:

    Molto simpatico aver letto i tuoi commenti sul viaggio in Turchia e interessante la descrizione dei luoghi visitati, leggeremo con piacere anche il seguito. Un caro saluto a Chicca e un grazie RaRo

  4. Nicola Losito ha detto:

    Grazie Rosanna, se ancora non ci sei stata, la Turchia te la consiglio caldamente. Anche se in questi giorni ci sono dei problemi di piazza, vale la pena visitare questo paese.
    Un cordiale saluto a te e a Raffaello.
    Nicola

  5. sissa ha detto:

    Beh, veramente sono combattutissima.
    Da una parte, a causa della mia “cittadinità” penso che non potrei fare altro che un viaggio organizzato come il tuo: su e giù dal pullmann, in truppa, protetti e informati, dall’altra, la mia orsezza mi convince che l’assenza di privacy, la mancanza di isolamento per gustare i monumenti e le impressioni di viaggio in assoluto silenzio, assaporandole secondo il mio metro, fa sì che io aborrisca questo genere di viaggi.
    Comunque: magari potessi scegliere! Per me la questione non si pone nè nei più dolci sogni nè nei più terribili incubi.
    Ciao. Alla prossima

    P.S. Sembri stanco anche dalla riprese… deve essere stato molto difficile per te.

    • Nicola Losito ha detto:

      Arriverà anche per te il tempo in cui potrai scegliere una o l’altra soluzione. Sei fortunata perché, in genere, “quel tempo” significa avere una certa età… La gioventù ha tanti vantaggi, permetterai che anche noi poveri “vecchietti” si abbia qualche piccola soddisfazione. Per noi sono le ultime…
      In un certo senso hai ragione, girare i video con il braccio sinistro ancora dolente non è stata cosa da poco. In certi momenti la videocamera mi ballava in mano e molte riprese ho dovuto cancellarle. Comunque qualcosa ho potuto recuperarla aiutandomi con un buon software.
      Ok, alla prossima.
      Nicola

  6. fulvialuna1f ha detto:

    Grazie Nicola! Io e mia figlia ci siamo fatti una parte del viaggio, ora attendiamo la seconda.

  7. Nicola Losito ha detto:

    E’ bello avere un pubblico fedele che segue le mie peripezie in giro per l’Europa. Spero di non deludere te e tua figlia nelle prossime puntate.
    Grazie a voi.
    Nicola

    • fulvialuna1f ha detto:

      E’ bello avere un amico che va in giro per l’Europa, così dove non arriviamo fisicamente possiamo almeno fantasticare. Grazie, sono sicura che non ci deluderai.

  8. in fondo al cuore ha detto:

    Davvero un bel viaggio, aspettiamo il seguito, anche se un po’ pesante ne è valsa la pena sono deli luoghi davvero interessanti! 🙂

    • Nicola Losito ha detto:

      Il primo giorno è stato davvero pesante, c’erano in programma troppe cose e siamo arrivati stravolti in albergo. I giorni seguenti saranno più equilibrati e ce li siamo goduti di più. Solo l’ultimo giorno del viaggio abbiamo sfacchinato molto ma, come vedrai, ne valeva la pena.
      A presto.
      Nicola

  9. Andrea Magliano ha detto:

    Leggo con grande piacere questa tua prima parte di racconto ed effettivamente è stato un bel tour de force! Ma in compenso quante cose e bellezze che hai avuto modo di vedere! Ammetto che tra le tante moschee ciò che mi colpisce è anche l’atmosfera magica della Cisterna (probabilmente è anche merito della foto che trovo incantevole!). Che dire, aspetto la seconda parte 🙂
    Un saluto
    Andrea

    • Nicola Losito ha detto:

      Sono d’accordo con te, Andrea. Tutti, di fronte alla Cisterna sotterranea, siamo rimasti a bocca aperta: si tratta di un’opera d’ingegneria notevolissima che forniva acqua potabile a una buona fetta della popolazione di Costantinopoli ed è stata scoperta per puro caso. C’erano delle famiglie che nel XIX secolo si rifornivano ancora d’acqua calando un cestello da un pertugio della loro abitazione, senza sapere cosa ci fosse sotto. Qualcuno, incuriosito da questo fatto, ha allargato uno dei pertugi e ha scoperto quella meraviglia. La foto è stata scattata da un professionista e rispecchia la realtà.
      Cordiali saluti.
      Nicola

  10. Costanzo Norante ha detto:

    Nicola, ti ringrazio. Tu non sei uno scrittore, sei un poeta !Mi stai facendo rivivere il viaggio in modo fantastico.Un grazie ed un a presto rivederci Costanzo Norante

  11. Nicola Losito ha detto:

    Bel complimento, Costanzo! Ma ho l’impressione che tu abbia esagerato un pochino… 😀
    La cosa vera è che, tornati a casa, si dimenticano le corse forzate per andare da un luogo all’altro e vengono alla mente solo le cose belle che abbiamo visto durante il viaggio. Il merito è tutto loro e non mio.
    Arrivederci al prossimo viaggio.
    Nicola

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...