2 Maggio 2013 – Istanbul

Il programma di oggi è il seguente:

1) Gran Bazar

2) Chiesa di San Salvatore in Chora

3) Moschea di Solimano

4) Pranzo in un ristorante caratteristico

5) Gita in battello

6) Bazar delle Spezie

7) Cena con spettacolo folcloristico al Kervansaray, un ristorante turco alla moda

Partiamo dall’Hotel Nippon verso le nove e il bus ci porta, con le solite difficoltà di traffico, in prossimità del Gran Bazar. Proseguiamo a piedi verso il mercato coperto, famoso in tutto il mondo, dove le signore del gruppo avranno a disposizione un’ora per scatenarsi in acquisti di oggettistica turca di piccolo o grande valore. Il numero dei negozi è enorme (4000) e lo spazio a disposizione è di tutto rispetto (circa 300.000 metri quadrati). C’è da perdersi in quei lunghi corridoi che s’intersecano fra loro formando una ragnatela multicolore e dove, per colpa dell’impressionante folla di visitatori (turisti e non) è difficile sia fotografare che usare la videocamera. Tengo d’occhio mia moglie anche se, a onor del vero, lei non è una compratrice compulsiva. La vedo fermarsi davanti a bigiotterie e gioiellerie ma, per mia fortuna, non entra in nessuno dei due negozi. Le nostre uniche compere sono due bei cuscini arabescati da regalare ad amici di Milano e, per me, un delizioso puff tondo poggia piedi i cui colori (rosso e nero) si accordano perfettamente con la poltrona a dondolo Ikea e i mobili del mio studio nella casa di campagna.

DSCN1744

Gran Bazar

Dopo l’immersione nel mondo del commercio, torniamo al misticismo antico della Chiesa ortodossa di San Salvatore in Chora. Edificata nel V secolo, subì la stessa sorte di altre chiese cristiane: cioè la trasformazione in moschea e  la ricopertura (per fortuna, non in maniera distruttiva) con la calce dei suoi mosaici a carattere religioso. Oggi i mosaici sono stati riportati alla luce e si possono di nuovo ammirare in tutto il loro splendore.

CIMG0119

San Salvatore in Chora

San Salvador in Chore_Mosaici

Mosaici di San Salvador in Chora

Non lontana da qui c’è la Moschea fatta costruire da Solimano il Magnifico secondo un’architettura abbastanza simile a quella di Santa Sofia.

CIMG0125

Moschea di Solimano

Moschea di Solimano_Interno

Interno della Moschea di Solimano

CIMG0128

Cortile interno della Moschea di Solimano

E’ arrivata l’ora di pranzo. La scelta è davvero felice. Il ristorante si trova all’interno di un antico chiostro risistemato con notevole gusto. Abbiamo mangiato bene e i fotografi si sono sbizzarriti a riprendere il bel giardino centrale, un’antica macina del grano e… le loro mogli dentro un curioso albero cavo ultracentenario.

CIMG0132

Albero cavo

 

Macina Antica_1

Antica Macina

Finito il pranzo ci siamo diretti al porto per una mini crociera in battello sul Bosforo. Purtroppo la navetta non è a nostra disposizione ma si tratta di un normale traghetto di linea che trasporta passeggeri da una parte all’altra di Istanbul. La gente salita a bordo prima di noi, fregandosene altamente del fatto che siamo turisti stranieri, si è piazzata nei posti con la visuale migliore e noi siamo costretti a fare salti mortali per scattare qualche foto o girare un filmino. In sovrappiù agli auricolari del ricevitore che portiamo al collo la voce della guida, chissà perché, non arriva, quindi non vi posso citare alcun nome di palazzi o moschee che abbiamo incontrato durante il tragitto. Dunque, si è trattato di una gita poco istruttiva, a parte l’avere assaporato la bellezza della costa e osservato con un pizzico d’invidia la suntuosità architettonica di molte ville che si affacciano sul Bosforo.

Gita sul Bosforo1

Mini Crociera sul Bosforo

Tornati al punto di partenza, scendiamo dal battello e, siccome è abbastanza presto, facciamo una sosta al Bazar delle Spezie.

Bazar-delle-spezie

Bazar delle Spezie

Questa è l’ultima visita della giornata. Si torna in albergo dove abbiamo giusto il tempo di fare una doccia prima di andare al famoso ristorante Kervansaray dove, durante la cena, si esibiranno dei  ballerini/lanciatori di coltelli, uno spiritoso cantante/intrattenitore con repertorio internazionale (ritornelli di canzoni italiane, francesi, russe, giapponesi, note in tutto il mondo), ma soprattutto ammireremo diverse danzatrici del ventre di notevole bravura.

Danza del ventre

Danzatrice del ventre

Sulla danza del ventre vorrei aprire una parentesi: nell’immaginario di noi maschietti questo particolare tipo di ballo ha sempre avuto una valenza erotica, nel senso che i movimenti flessuosi della ballerina sono fatti apposta per eccitare i sensi. In origine, invece, era una danza propiziatoria religiosa e veniva chiamata orientale per sottolinearne la provenienza. Ben presto, però, si trasformò in qualcosa di diverso. Immagino che questo ballo sia stato adottato da una delle tante mogli di un sultano per eccitarlo ben bene ed essere scelta come favorita non solo di una notte ma di un periodo molto più lungo. Dunque, da un bel po’, la danza del ventre è un’arma potente nelle mani delle donne. Oggi ha anche un utilizzo più serio. Pare che i tipici movimenti rotatori e ondulatori della danza (cfr. Focus.it) servano a rilassare i muscoli e i legamenti della regione pelvica, attenuando il dolore delle contrazioni e facilitando, in sala parto, l’espulsione del nascituro.

Ma torniamo alla nostra cena al ristorante turco. Lì abbiamo assistito a una gradevole esibizione di ginnastica muscolare eseguita da belle donne in costume succinto quel tanto che basta per far vedere e non vedere le loro beltà. Quello che mi chiedo è: sono davvero sexy dei seni che si alzano e abbassano a comando, ventri e sederi che vibrano a suon di musica, mossette e rotazioni del corpo eseguite ad usum dei turisti seduti a un tavolo mentre mangiano specialità locali? Tutto questo io l’ho trovato spettacolare ma pochissimo erotico. Ovviamente posso sbagliarmi. Quella sera, con indubbia pazienza, con i camerieri che passavano davanti alla videocamera ogni due per tre, ho filmato un paio di quelle bellezze turche mentre si esibivano su un piccolo palco con una base musicale registrata in cui degli assoli ben studiati di tamburo sottolineavano i passaggi topici del loro show. Lascio a voi il piacere di guardare con attenzione il video, così potete farvi una vostra personale opinione.

Questa volta ho diviso la lunga giornata in due brevi filmati. Il primo riguarda i luoghi e i paesaggi della Turchia. l’altro è tutto dedicato alla danza del ventre. 

Immagino che questo secondo filmato sarà molto più visionato del precedente, sia da uomini sia da donne… Occhiolino A bocca aperta

Buona visione!

Nicola

Annunci
commenti
  1. tramedipensieri ha detto:

    ..una cosa mi sembra di capire…che in questa parte del viaggio ti sei stancato molto meno 😉

    • Nicola Losito ha detto:

      Ahahahahah, cara Marta, sei un po’ maliziosa! Dopo la sfacchinata del primo giorno, il viaggio ha trovato un giusto equilibrio tra il sacro e il profano, tra il moto e il riposo e, a tarda sera, c’è stato un doveroso contentino per la pancia e per gli occhi…
      Nicola

  2. fulvialuna1f ha detto:

    Ma hai cenato? Dal video presumo poco, vista l’intensa ripresa….:-)
    Grazie per questa parte di viaggio che abbiamo fatto io e mia figlia che mi ha fatto notare quanto poco tradizionali siano però gli abiti delle danzatrici…..
    Davvero tua moglie non ha acquistato qualche monile? Una mia amica mi diceva che se ne trovano di bellissimi.

    • Nicola Losito ha detto:

      Diciamo che ho assaggiato in fretta le varie specialità culinarie turche dosate con molta parsimonia. Tra una portata e l’altra filmavo le danzatrici. I camerieri che passavano davanti alla videocamera non si notano perché li ho tolti in sede di montaggio del filmato. Impallavano tutta la scena con enormi piatti di portata sulle spalle.
      Sono stato bravo a svicolare quando mia moglie individuava qualche monile molto bello… ma anche molto caro… 😀
      Nicola

  3. sissa ha detto:

    Mah! Mi pare tu abbia ragione! Troppa, troppa gente e troppa. troppissima tecnica che toglie qualsiasi briciola di passione.
    Comunque grazie per la condivisione
    A presto
    Sis

    • Nicola Losito ha detto:

      Diciamo che la prima ballerina qualche movenza sexy ce l’ha regalata, la seconda, invece, era una ginnasta adatta per le olimpiadi. Le successive danzatrici (sì, ce ne sono state altre, ma avevo esaurito la batteria della videocamera!) più o meno non si sono discostate dalla seconda. Tutte, a onor del vero, molto carine e svestite con grazia.
      Ciao
      Nicola

  4. Andrea Magliano ha detto:

    Ciao Nicola, personalmente ammetto di aver trovato più interessato il secondo videoclip con la danza del ventre 😉 Naturalmente entrambi i video molto interessanti e naturalmente il post in generale. Sembra di essere con te durante il viaggio. E per la danza del ventre effettivamente affascinante e sensuale. E molto suggestiva, per chiudere in bellezza la serata eheh Un caro saluto!

    • Nicola Losito ha detto:

      Fra qualche giorno saprò quanti hanno guardato il primo o il secondo filmato, o entrambi. Ma sono sicuro e pronto a scommettere su quale sarà il preferito… 😀
      In realtà quella sera ero intento a filmare e a scansare i camerieri. La danza del ventre l’ho vista e non vista. Mi è piaciuta di più rivederla mentre elaboravo i filmati al computer.
      Ciao
      Nicola

  5. Elena ha detto:

    adoro viaggiare!!!!!

  6. germogliare ha detto:

    non mi dire che passavi il tempo a prendere appunti per il blog? perché il resoconto è impeccabile.
    ciao

  7. annam11 ha detto:

    Fa un po’ impressione leggere ora un resoconto così… Ora che la Turchia si sta ribellando come non mai…

    • Nicola Losito ha detto:

      Se i puntini di sospensione sottintendono l’aggettivo “banale”, mi dispiace di non avere soddisfatto la tua curiosità su questo paese. A mia difesa posso solo dire che a maggio, quando il viaggio è avvenuto, la Turchia era un paese tranquillo, con l’economia in forte crescita e tanta gente allegra per le strade. Questo ho visto in Turchia e di questo scrivo e scriverò nelle prossime puntate. Gli incidenti e le lotte di questi giorni non se li aspettava nessuno; noi turisti eravamo informati, attraverso la guida turca, che Erdogan era molto amato da una parte della popolazione e molto odiato dalla restante parte. Tutto qui. Inoltre nel mio blog, per definizione, non tratto mai argomenti legati alla politica, alla religione, ma guardo alla società per quel pizzico di buono/curioso che è in grado di produrre e trasmettere al mio sguardo di osservatore attento quanto basta.
      Nicola

      • annam11 ha detto:

        Ma certo, non intendevo sottointendere “banale” e neppure altro. Semplicemente rimarcare quanto sia incredibile il cambiamento, e credo sia ancora più impressionante per chi ci è stato così poco prima dell’ “ebollizione” 🙂

  8. harleyquinn86 ha detto:

    È stato davvero bello viaggiare con i due post 😀

    • Nicola Losito ha detto:

      … e questo è solo l’inizio del viaggio. Nel seguito, se mai ci sarà, incontreremo luoghi, cose, e persone che rendono la Turchia un paese incredibilmente vario e degno di essere visitato.
      Nicola

      • harleyquinn86 ha detto:

        Magnifico! Trovo molto stimolante la conoscenza dei mille aspetti della Turchia, a cominciare dalle moschee fino alla danza del ventre. Aspetto di leggere.
        Harley

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...