Entrare in libreria? ahi ahi! di N. Losito

Pubblicato: 23/09/2013 in Appunti di scrittura, articolo, cultura, curiosità, Libri, Romanzo, Società
Tag:, ,

Libreria

La domanda di oggi è: “Quando vai in libreria (se ci vai ancora…) quale metodo adotti per acquistare libri?”

Tanto per cominciare, pur essendo un esperto di aggeggi elettronici di avanguardia, non mi sono ancora appassionato agli e-book. Mi piace troppo l’odore della carta stampata e i libri voglio averli ben solidi tra le mani per poterli annusare e sfogliare come e quando mi pare. E non mi accontento di averne uno solo sul comodino, ma due o tre… Infine, i libri non li acquisto via Internet, ma preferisco mille volte di più andare in libreria.

Ciò premesso, tre volte all’anno (Natale, Pasqua, Vacanze) con tutta calma preparo una lista dei desideri, a questa ci aggiungo i titoli consigliati da amici di cui mi fido e, infine, scelgo il negozio in cui recarmi. Vivendo a Milano, di solito mi reco alla Mondadori di Piazza Duomo, o alla Rizzoli in Galleria o alla Feltrinelli di Piazza Piemonte: trattasi di tre enormi empori generalisti (ormai manca poco che lì dentro vendano alimentari, frutta e verdura per poter accontentare, in un colpo solo, stomaco e mente…) dove penso sia più facile trovare, senza prenotazione, i testi che cerco.

Appena entro in uno di questi mega negozi e comincio a dare un’occhiata alla distesa infinita di libri in mostra, mi assale un senso di smarrimento tale che dimentico di avere in tasca una lista ben precisa. Inizia così la lenta osservazione delle mille e mille copertine colorate allineate sui banconi e tutte mi gridano: comprami, comprami… Ovviamente inciampo nelle enormi pigne di libri di Dan Brown, di Benedetta Parodi, di 50 cinquanta sfumature di porcherie, piazzate in posizioni strategiche in modo tale che non posso evitare di andarci a sbattere contro. Mentre cerco di sistemare alla belle e meglio il danno che ho provocato alla super studiata composizione dei duecento e passa volumi di Inferno  artisticamente impilati, in un nanosecondo il mio cervello li sostituisce con Alla bisogna tango si balla (uno dei miei tre libri inediti) e, felice come una pasqua, proseguo il mio cammino. Arrivato in fondo al locale sono andato del tutto in confusione. Ondeggio quasi. Per darmi un tono, tiro fuori la lista e mi rendo conto che, sui banconi che ho appena esplorato, non ho individuato nemmeno uno dei libri che avevo in nota.

Questo mi fa venire dei dubbi amletici: sono proprio sicuro di voler comprare dei romanzi che non sono più esposti in bella vista? Non sarà che sono delle boiate tali che li hanno tolti subito dal commercio e li hanno già mandati al macero? Faccio bene a fidarmi dei consigli degli amici?

Scaccio dalla mente questi pensieri e decido di comprare, senza condizionamenti preventivi, qualcosa che mi colpisce al momento e, per fare questo, intraprendo a ritroso un nuovo giro della libreria. A mente libera mi lascio sedurre – nell’ordine – dalla bellezza del titolo, dall’immagine di copertina, dal carattere tipografico usato dalla casa editrice e dall’incipit. Il prezzo e l’autore non li ho nemmeno citati, tanto so già che alla fine spenderò una fortuna ed è cosa nota che il nome dello scrittore non sempre è garanzia di una scelta felice.

Ok, questo è il primo metodo con cui, in genere, raccolgo una prima infornata di libri. Lo so che non è il sistema migliore per intercettare capolavori, ma che ci posso fare? Sono fatto così… Spero sempre nella buona sorte. Poi ritiro fuori la lista e mi rivolgo a uno dei tanti volenterosi giovani che girano in negozio per adocchiare eventuali ladruncoli e sistemare il disordine provocato da clienti maleducati che prendono in mano i libri, leggono qualche pagina e poi li abbandonano dove capita. I  commessi di libreria sono fantastici: in cinque minuti trovano quello che io non sono riuscito a individuare in un’ora e passa di esplorazione.

Anche quest’anno, prima di partire per la campagna, le cose sono andate come ho appena finito di raccontare. Volete conoscere i titoli e gli autori dei libri acquistati col primo metodo? Ok, vi accontento subito e aggiungo anche il perché della mia scelta libera.

  • Le età di Lulù di Almudena Grandes: copertina sull’erotico snob.
  • Della Bellezza di Zadie Smith: mi ha colpito il titolo.
  • Accabadora di Michela Murgia: vincitrice del premio Campiello 2010.
  • La preda di Irène Némirovsky: mi ha incuriosito la donna nuda in copertina. Un’immagine molto audace per una casa editrice seriosa come l’Adelphi.
  • L’occhio del lupo di Daniel Pennac: da anni avevo perso  di vista questo famoso scrittore francese.

Con ‘sto malloppo in mano ho beccato un commesso e gli ho affidato la lista di libri che avevo preparato a casa e di cui, come accade sempre, non avevo trovato traccia sui banconi. Il giovanotto ha dato un’occhiata veloce al foglietto, mi ha guardato ammirato ed è partito in tromba per accontentarmi. In quattro e quattr’otto mi ha consegnato i seguenti testi:

  • Inseparabili (Il fuoco amico dei ricordi) di Alessandro Piperno
  • Molto forte, incredibilmente vicino di Jonathan Safran Foer
  • 1Q84 – Libro 3 Ottobre-Dicembre di Murakami Haruki
  • A sud del confine, a ovest del sole di Murakami Haruki
  • La ragazza dello Sputnik di Murakami Haruki

I primi due titoli mi sono stati consigliati da amici, gli altri li ho voluti io perché, come è noto a molti, sono un fan sfegatato di Murakami Haruki e quei tre mi mancavano per completare l’opera omnia di questo scrittore giapponese che, solo per un soffio, quest’anno ha mancato il premio Nobel della Letteratura.

Quest’estate, oltre a cercare sassi sul prato, andare in piscina e scorrazzare in bicicletta  nella pianura bergamasca, ho letto molto e ho finito tutti i libri elencati prima.

Devo confessare che dei cinque titoli scelti da me con criteri molto discutibili, solo due mi sono piaciuti: Della bellezza e Accabadora. Gli altri tre potevo benissimo evitare di comprarli. L’età di Lulù è un romanzo pornografico tout court e ve lo sconsiglio. Se proprio siete interessati all’argomento sesso sfrenato di coppia e di gruppo (mancano solo gli animali e poi gli accoppiamenti strani ci sono tutti, incesti compresi), allora andate in Internet e cliccate su You Porn, forse vi divertite di più e non spendete 10 euro per acquistare quella boiata di libro. La preda è un romanzo noiosissimo, direi inutile. L’occhio del lupo è quello che mi ha deluso di più. Peccato. Anni fa avevo amato alla follia Benjamin Malaussène, capro espiatorio di professione, protagonista di alcuni dei romanzi più riusciti di Pennac. Ecco l’esempio di uno scrittore che non ha saputo, dopo tanti successi e onorificenze, deporre la penna e dedicarsi ad altro.

Termino con alcune brevi osservazioni sulla mia lista di libri, cioè quelli acquistati previa accurata ponderazione.

Inseparabili (Premio Strega 2012) è il seguito di Persecuzione, un romanzo di qualche anno fa che mi era piaciuto ma che finiva lasciando parecchi argomenti aperti che sarebbero stati ripresi e completati da Piperno in un successivo libro. Inseparabili, infatti, spiega il tutto, raccontando anche diversi antefatti relativi ai vari personaggi della famiglia ebrea dei Pontecorvo. Non so quanto sia stata felice la scelta di spezzare in due parti la vicenda. Secondo me, tagliando qua e là, poteva bastare un solo libro per raccontare l’epopea di questa famiglia. Dunque un premio Strega non proprio esaltante. I due suddetti volumi sono da acquistare insieme, altrimenti lasciate perdere.

Molto forte, incredibilmente vicino di Jonathan Safran Foer è un romanzo molto bello, parla di un bimbo che ha perso il padre a New York l’11 settembre nel crollo delle torri gemelle. Da leggere assolutamente.

Dei tre libri di Murakami Haruki citati in elenco, vi consiglio gli ultimi due: sono entrambi sullo standard piuttosto elevato di questo scrittore giapponese. Su 1Q84 Libro 3, ho qualche perplessità, non perché sia brutto, ma può interessare solo a chi ha letto il precedente 1Q84 Libri 1 e 2. Vale il discorso appena fatto per i due libri di Piperno, cioè è stato un errore non unire in un solo volume 1Q84. D’accordo, forse sarebbe risultato un tomo di troppe pagine, ma chi ama questo scrittore sarebbe arrivato in fondo senza problemi. Infatti la vicenda narrata è molto interessante e i tanti personaggi che popolano 1Q84 rimarranno per parecchio tempo nella mia mente di lettore.

Volete sapere il perché del titolo del post odierno? A detta di mia moglie sono un compratore compulsivo di libri e, proprio per questo, spendo troppo quando metto piede in una libreria. Credo che in famiglia stiano seriamente pensando di interdirmi l’uso della carta di credito… ROFL_C~1

Nicola

Annunci
commenti
  1. stravagaria ha detto:

    Tre i motivi per cui mi sono votata al reader: la necessità di una lettura notturna che non disturbasse il partner e che non mettesse fuori uso la vista, il risparmio che è notevolissimo soprattutto se si legge serialmente e lo spazio. Le librerie le adoro, ci entro, ci sguazzo, mi ispiro e compro anche solo per regalare. Ogni tanto anche per me in un afflato nostalgico. Le tue scelte di lettura mi piacciono, alcuni libri li ho letti altri non li ho ancora approcciati. A me piacciono le librerie indipendenti dove trovi sugli scaffali anche qualcosa di inaspettato oltre ai soliti best seller ma purtroppo vanno scomparendo. E comunque la rete è ormai la mia vera fonte di ispirazione 🙂
    Buon lunedì!

    • Nicola Losito ha detto:

      Finirà che anch’io passerò al reader elettronico, ma finché posso comprerò libri di carta. Io amo la modernità, però nel caso dei libri tentenno ancora. Alla rete mi rivolgo quando i libri che cerco non li trovo più in libreria. Mi pare un giusto compromesso… 😀
      Buona settimana anche a te.
      Nicola

  2. masticone ha detto:

    ah il vecchio antico fascino della cellulosa…

  3. tramedipensieri ha detto:

    …è scappato un sorriso, a fine lettura 😉
    Anche io acquisto libri in quantità…e infatti ne ho tantissimi ancora da leggere…

    Acquisto libri anche quando accompagno un’amica in libreria! E a volte succede che lei non acquista niente ed io esco con almeno un libro 😀

    Di Murakami ho letto quasi tutto…così di Michela Murgia, naturalmente…

    Sull’accabadora, recentemente ho pubblicato un post: http://tramedipensieri.wordpress.com/2013/09/14/lultima-madre/

    Per poter acquistare qualche libro in più dovrei iniziare a lasciar ferma l’auto per qualche giorno 😦

    buon proseguo
    .marta

    • Nicola Losito ha detto:

      Da qualche parte ho scritto che voglio avere una libreria con un numero infinito di volumi, ma coi prezzi attuali dei libri penso che questo rimarrà sempre e solo un sogno. 😀
      Ho letto e commentato il tuo post.
      Un cordiale saluto.
      Nicola

  4. fulvialuna1 ha detto:

    Si ci entro, da noi c’è Mondadori o la Giunti. Anche io adoro la carta. Faccio anche io la lista e anche se gironzolo per un bel pò alla fine compro quelli che ho scritto.
    Mia figlia ama invece la Feltrinelli a Roma (ex galleria Colonna), ci passa almeno un’ora e esce sempre con due o tre libri che accatasta e legge in estate o vacanze invernali; durante l’anno legge cose leggere perchè “..mà ho già da studiare…”
    Credo che tutte e due faremo la stessa fine tua, interdizione dalla carta di credito, mio marito lo ha minacciato (ha, ha, ha…)

    • Nicola Losito ha detto:

      Non lo dire in giro, ma io sto facendo la cresta sulla spesa per avere a disposizione un po’ di soldi per acquistare dei libri quando (molto presto…) mi toglieranno non solo la carta di credito ma anche il bancomat… 😦 😀
      Un abbraccio a te e a tua figlia.
      Nicola

  5. Teresa ha detto:

    grazie per i consigli! E’ vero che per noi ( parlo di quelle persone che mi sono vicine come dato anagrafico ) il ” vero”libro è quello di carta, ma teniamo conto dello spazio e delle abitudini delle nuove generazioni: in futuro penso che predominerà l’e-book.

    • Nicola Losito ha detto:

      La nostra è una generazione intermedia: ha visto la crescita e il lento declino del libro di carta in favore dei tablet e dei reader elettronici. Il futuro gioca a favore delle nuove tecnologie. Gli e-book costano meno e non occupano spazio. Il che è un grossissimo vantaggio.
      Comunque finché ce la faccio io non demordo: è troppo bello avere fra le mani un bel libro fresco di stampa…
      Nicola

  6. Denise Cecilia S. ha detto:

    Amo tutte le librerie. Megastore, virtuali, piccole e polverose… queste ultime però di più, perché ci trovo quei titoli che non sono nè antichi, nè eccentrici, eppure nei grandi negozi vanno scomparendo. Su questo si potrebbe discutere a lungo, io siccome son vecchia e non vado tanto per il sottile decreto molto semplicemente che il megastore, anche in questo, è un altro effetto / causa del consumismo e ci divorerà tutti.
    Eppure, dove c’è carta c’è vita. Non sono contro i reader, ma continuo a pensare e ritengo lo farò sempre che un reader non è equivalente ad un libro cartaceo, nè lo può sopravanzare nei vantaggi – anzi, al contrario.
    Detto questo, compro ormai prevalentemente online (IBS): questione di soldi. Infatti la quasi totalità dei miei acquisti libreschi è finanziata dai buoni spesa, a loro volta ottenuti con i punti della carta Nectar. Il resto più che acquistato è scambiato in negozi dell’usato.

    Nelle librerie in ogni caso ci giro, e siccome sono una rompipalle esteta e maniaca della perfezione, per me contano tantissimo titolo, copertina, carattere di stampa (di ogni singola parte del libro…), eventuali foto, eccetera.
    Sembrano futilità, e di certo lo sono messe a paragone con i contenuti veri e propri.
    Però, intanto, nel complesso fanno pendere la bilancia della decisione tanto quanto questi.
    Stanno alla pari, se non per importanza per l’effetto complessivo.

    Il dilemma della scelta tra l’esplorazione libera e selvaggia e quella metodica, seguendo la lista, è ancestrale. Io in genere mi occupo prima della lista, sforzandomi di non guardare affatto ciò che ho intorno (chi si ferma è perduto!), solo dopo mi permetto di girovagare; così se effettivamente posso permettermi qualche extra e c’è buona pappa in giro ne approfitto… altrimenti ho per lo meno un motivo molto concreto per trattenermi: quando hai già scelto un titolo e te lo porti appresso da un po’ è più difficile lasciarlo andare.

    • Nicola Losito ha detto:

      Abbiamo idee molto simili e se entrassimo insieme in una libreria sarebbe difficile distinguere due clienti come noi due, a parte il sesso… 😀
      C’è una buona dose d’amore nella nostro girovagare tra i banconi pieni zeppi di libri dalle copertine invitanti. Purtroppo alla fine occorre scegliere e guardare al portafoglio.
      Peccato.
      La nostra libreria casalinga dovrà aspettare per diventare infinita.
      Un abbraccio.
      Nicola

  7. maria d'ambra ha detto:

    Caro Nicola, sono tempi duri per i lettori appassionati. Non bastavano i prezzi esorbitanti e il decadimento delle scelte editoriali, adesso anche gli e-book ci mancavano! Da poco ho sperimentato il kindle e sì, è sopportabile, ma fare un paragone col cartaceo è impensabile! Non so perché ma i bei libri sembrano ancora più belli nella versione cartacea, non c’è niente da fare.
    Per la libreria on line invece mi sono convertita da anni, tu vivi a Milano e puoi trovare di tutto, io invece non trovo quasi niente di quello che cerco e così a furia di farlo adesso provo lo stesso piacere che provavo in libreria, quando spulcio i cataloghi a caccia di rarità o di nuove uscite che mi interessano.
    un abbraccio

    • Nicola Losito ha detto:

      Il grande vantaggio degli e-book è proprio il prezzo basso e il fatto che non occupano spazio in casa. Sulla qualità dei testi pubblicati e auto-pubblicati stendiamo un velo pietoso. Può darsi che in futuro riescano a inventare degli e-book col profumo della carta stampata e allora sarà la fine dell’editoria tradizionale… 😀
      Finché potremo godiamoci il fruscio odoroso di stampa dei fogli dei libri che si acquistano in libreria.
      Ricambio l’abbraccio.
      Nicola

  8. prschifano ha detto:

    Segno questi libri, mi sembrano uno spunto interessante di lettura. Complimenti per il post!!!

    • Nicola Losito ha detto:

      Consigliare libri è sempre un terno al lotto. Ognuno di noi ha le proprie preferenze e le proprie idiosincrasie. Spero che dai brevi accenni che ho fatto tu riesca a estrarre i titoli che soddisfano il tuo gusto di lettore.
      Nicola

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...