Diario di bordo – 16 – di N. Losito

Pubblicato: 22/04/2015 in articolo, cultura, curiosità, filmato, Fotografia, reportage, Società, Viaggi, video
Tag:, , , , , ,

Viaggio in Cina – Gran Finale!

Suzhou, 22 Ottobre 2014, Mercoledì, primo pomeriggio.

Prima di lasciare Suzhou andiamo a visitare un altro importante giardino il cui nome, al solito, lunghissimo è il Giardino del Maestro delle Reti (o del Pescatore). In città ci sono decine e decine di giardini/parchi, ma questo ha un fascino speciale dovuto al coreografico intreccio di laghetti, ponticelli, passatoie coperte e scoperte, e alla simpatica offerta di graziose pagode a disposizione dei visitatori per una piacevole sosta all’ombra. Il tutto corredato da una miriade di estese piante acquatiche, cespugli, fiori e alberi di mille varietà. In questo giardino, inoltre, c’è una notevole raccolta di rocce bizzarre che avevamo già visto a Guilin, disposte un po’ ovunque a mo’ di imponenti e coreografiche statue.

DSC_1314DSC_1317IMG_2478DSCN3523IMG_2480DSCN3521DSCN3529DSCN3528CIMG0583CIMG0584IMG_2489DSCN3522

Avrei tante altre foto da pubblicare, ma penso di avervi dato abbastanza l’idea della bellezza del giardino del maestro delle reti.

Usciti da questo piccolo paradiso terrestre, facciamo quattro passi a piedi in una via di Suzhou, in attesa che il pullman ci venga a prelevare. Abbiamo così la possibilità di intravvedere un vicolo dove c’è un frequentatissimo mercato delle pulci: sarebbe stato interessante dargli un’occhiata ma il tempo stringe. Dobbiamo tornare a Shanghai in autostrada e poi raggiungere l’aeroporto di Pudong dove ci attende l’aereo che ci riporterà in Italia.

Per tornare a casa utilizziamo ancora la compagnia Emirates, ma il volo verso l’Italia non è diretto. Facciamo scalo a Dubai e, infine, dopo una sosta di un paio di ore, riprendiamo a volare verso Milano dove atterriamo alle ore 16 di giovedì 23 Ottobre 2014.

Conclusione.

Ho già raccontato nelle prime puntate del diario di bordo cosa mi è successo durante il volo di ritorno e non sto a ripetermi, dico solo che per almeno una decina di giorni ho sofferto le pene dell’inferno a causa del jet lag. Ma io sono un caso particolare e non faccio testo. Da quel che so, tutti gli altri del gruppo non hanno avuto gli stessi miei problemi.

Il tour in Cina, durato circa 15 giorni, è costato all’incirca 4000 euro a testa, compresi tutti i voli, i pasti, gli alberghi, gli ingressi alle varie location visitate, le mance alle guide, i souvenir per gli amici… e quant’altro. Dunque non è stato un viaggio economico, però, mi auguro che tutti possiate farlo almeno una volta nella vita. Ne vale davvero la pena.

Moltissime sono le cose che mi sono piaciute nel Paese di mezzo, elencarle tutte sarebbe troppo lungo. Nelle diverse puntate del diario, però, ho già avuto la possibilità di dichiarare le mie preferenze nelle località visitate. Comunque, quelle che di sicuro non dimenticherò sono tre:

1) la crociera in battello sul fiume Li a Guilin, per lo spettacolo unico al mondo delle colline bizzarre che ci hanno accompagnato lungo tutto il tragitto (73 km.), per la vita (lavoro e svago) che si svolge su quel placido corso d’acqua e per le numerose altre attrattive naturali che si affacciano su entrambe le sue rive.

DSC_0255

2) l’esercito di terracotta a Xian, per la maestosità del progetto della tomba che il generale Qin Shi Huang si è voluto predisporre per accompagnare il proprio sonno eterno.

IMG_1031

3) il Grande Budda scolpito nella roccia a Leshan che, da secoli, è punto di riferimento per i credenti che vivono e gravitano in quelle terre.

Budda Gigante

Sulla popolazione cinese ho poco o nulla da dire perché non abbiamo avuto mai contatti diretti con gli abitanti delle varie città dove abbiamo sostato, non perché fosse proibito, ma perché non avevamo il tempo per intrattenerci con loro. Inoltre c’era il problema della lingua: pochi in Cina conoscono l’inglese o altre lingue. Solo nelle grandi città gli studenti universitari e i professionisti parlano l’inglese: pare però che adesso questa lingua venga insegnata anche nelle scuole inferiori. Hong Kong e Shanghai sono le città moderne che mi sono piaciute di più: in entrambe si respira davvero aria internazionale. I grattacieli sono molto belli e danno l’idea di non essere ammassati fra di loro come capita in alcune zone di New York o di altre città degli Stati Uniti.

La Cina è un colosso che – per numero di abitanti e potenza economica – fa paura a noi abitanti del vecchio mondo però, se il made in Italy  di pregio saprà aggredire  con intelligenza quell’immenso mercato, per noi ci saranno grandi possibilità di espansione in un paese che sta iniziando ad apprezzare le cose belle e ben fatte.

Ringraziamenti.

Un grazie sentito a tutti gli amici che hanno partecipato al viaggio assieme a me: sono stati una compagnia gradevolissima. Grazie a chi mi ha permesso di utilizzare le loro foto sia nei vari post che nei filmati: Mirella e suo marito Giorgio II°, Barbara e suo marito Sergio, Giorgio I° e mia moglie Chicca. Alcune foto a corredo dei post le ho scovate in Internet: per queste mi sento in dovere di ringraziare gli sconosciuti autori che le hanno rese disponibili gratuitamente.

Per le notizie storiche mi sono servito spesso di Wikipedia, di articoli scovati in Rete e del libro Appunti di Viaggio di Luigi Paoli: Cina, la civiltà del Fiume Giallo edito da Mistral Tour e della Guida Express Viaggi & Turismo, Cina, donataci dall’Agenzia La Mirage che ha organizzato ottimamente il nostro tour.

Grazie, infine, ai tanti naviganti della Rete che hanno avuto la pazienza di spendere un po’ del loro tempo per leggere i miei lunghissimi post e, infine, un ringraziamento particolare va a quei pochi che hanno visionato anche i miei filmati.

Appuntamento al prossimo viaggio!

Nicola

Annunci
commenti
  1. Rosanna ha detto:

    Davvero un viaggio interessante, speriamo un giorno di poterlo fare (terremo presente i tuoi preziosi appunti). Grazie Nicola Un cordiale saluto RaRo

  2. Che meraviglia il Giardino del Maestro delle Reti!

    Simona

    • Nicola Losito ha detto:

      Il classico luogo da “riposo del guerriero” dove rigenerarsi per potere tornare forti e vigorosi ad affrontare la vita e i problemi che ci assillano.
      Nicola

  3. stravagaria ha detto:

    Anche quest’ultima tappa mi è piaciuta molto: atmosfere rilassanti e suggestive! Sai che pensavo che un viaggio in Cina costasse addirittura di più? Non che io mi intenda molto di viaggi in Cina 😉 il vantaggio dei viaggi organizzati in gruppo è che i costi sono nero su bianco sin dall’inizio. Amici che hanno viaggiato in lungo e in largo autonomamente ci dicevano che in alcuni paesi i soldi abbandonano il turista con una velocità impressionante perché le trattative sono sempre a sfavore di chi ha bisogno di un servizio. Già pensato alla prossima meta con la tua metà? 🙂

    • Nicola Losito ha detto:

      A una certa età (la mia e quella di mia moglie) andare all’avventura non è proprio il caso. 😉
      Oramai partiamo sempre in gruppo (un piccolo gruppo di amici) e ci affidiamo a una buona agenzia con cui definiamo costi e itinerario. Le sorprese, caso mai, ci sono nei pasti prepagati, non sempre all’altezza delle aspettative.
      Finora ci siamo trovati bene agendo in questo modo.
      Per quanto riguarda il prossimo viaggio, stiamo elaborando un itinerario attraverso il Perù, anche se lì ci sono alcuni problemi legati all’altitudine. Se la salute ci aiuterà, questa dovrebbe essere la prossima tappa con partenza alla fine di agosto quando saranno finite le piogge e il freddo è abbordabile.
      Un abbraccio, cara Viv.
      Nicola

  4. sguardiepercorsi ha detto:

    Immagino che aver scritto tanto sul viaggio te l’abbia anche fatto un po’ rivivere… Oltre ad averlo fatto vivere a noi! 🙂

    • Nicola Losito ha detto:

      La vera Cina l’ho conosciuta scrivendone, facendo ricerche, guardando le foto scattate da me e dai miei amici. Da qualche anno ho capito che questo è il solo modo per non dimenticare i bei luoghi visitati.
      E’ un po’ quello che stai facendo tu con i tuoi post foto-letterari.
      Un caro saluto.
      Nicola

  5. Silvia ha detto:

    Un insieme di luoghi bellissimi, davvero un bel viaggio 🙂

  6. ignazio.demichele@libero.it ha detto:

    anche questa, va in -archivio-……………………..grazie! ciao e buona serata!

  7. tramedipensieri ha detto:

    Un gran bel viaggio. Grazie di averci reso partecipi.
    Quale sarà la prossima tappa?

    Ciao Nicola
    .marta

    • Nicola Losito ha detto:

      Grazie a te per la costanza con cui hai seguito le varie puntate del Diario.
      A fine agosto, se la salute lo permetterà, andremo per un paio di settimane in Perù.
      Un abbraccio.
      Nicola

  8. ombreflessuose ha detto:

    Ti invidio benevolmente , Nicola
    Attualmente non posso disporre di 4000 euro per fare il tuo viaggio, ma appena le mie risorse saranno più rigogliose, ricordandomi del tuo viaggio, che hai arricchito con foto bellissime e video: mi piacerebbe tanto farlo.
    Grazie mille
    Baci
    Mistral

    • Nicola Losito ha detto:

      Ciao Mistral.
      Come ho scritto, 4000 euro sono tanti, però la Cina è grande e in quella cifra ci sono tutti i trasferimenti in aereo tra una località e l’altra di quell’estesissimo paese.
      Risparmiando un po’, come abbiamo fatto noi, quella somma si può mettere da parte… 😀
      Un cordiale saluto.
      Nicola

  9. tachimio ha detto:

    Se mai dovessi andare in Cina mi piacerebbe seguire il tuo itinerario che ho trovato molto affascinante e diverso dai soliti tour cinesi. E non solo ma seguirei anche i tuoi consigli. Secondo me saresti un’ottima guida. Ti abbraccio caro Nicola e aspetto altri bellissimi tuoi viaggi raccontati sempre con ironia e corredati di ottime foto e video. Grazie di cuore. Isabella

    • Nicola Losito ha detto:

      Il grande vantaggio della Rete è che i post rimangono nella blogosfera, per cui, quando andrai in Cina (sono sicuro che ci andrai), potrai stampare le mie chiacchierate e avere una traccia delle belle cose da vedere nel “paese di mezzo”.
      Un sincero abbraccio.
      Nicola

  10. mariella1953 ha detto:

    Un bel viaggio davvero che abbiamo potuto seguire con i tuoi reportage!👌
    Tra tutte le cose descritte quello che più mi affascina è l’esercito di terracotta
    Buon viaggio in Perù allora!
    Ciao 😃

    • Nicola Losito ha detto:

      Grazie Mariella.
      Per quanto riguarda il viaggio in Perù, stiamo valutando diversi tour operators per capire qual è il momento migliore per partire. Pare che a fine agosto il tempo sia buono e i prezzi siano in discesa.
      Penso che opteremo per quel periodo.
      Un abbraccio.
      Nicola

  11. Giusyna ha detto:

    Grazie a te Nicola, e a rileggerci al tuo prossimo post 🙂

  12. eva ha detto:

    Credo sia sia stato un bellissimo viaggio ma con i tuoi filmati ed i tuoi commenti hai reso la lettura e la visione molto interessanti

    • Nicola Losito ha detto:

      Grazie, cara Eva. Sì il viaggio meritava di essere fatto. Ho visto luoghi di cui non conoscevo nemmeno l’esistenza, pur essendo località famose e popolose.
      Scriverne e preparare i filmati mi ha aiutato molto a memorizzare tutto ciò che durante il tour ho visto di fretta.
      Un cordiale saluto.
      Nicola

  13. exyliumlab ha detto:

    Un viaggio a dir poco unico e interessante. Mi sono davvero divertita. Grazie di avermi lasciato partecipare al viaggio “assieme” a voi.
    Complimenti ancora per il racconto, le informazioni, le foto straordinarie e i bellissimi video.
    Tanti saluti, o meglio 再见 zài jiàn (“arrivederci”)!

    P.S. Nel mio blog ho fatto un articolo a proposito dell’ Esercito di Terracotta; se hai voglia e tempo, ti andrebbe di dargli un’occhiata? ^^

    – Alfetta.

    • Nicola Losito ha detto:

      Cara Alfetta, sei molto gentile. Le tue parole mi ripagano della fatica per ricostruire le varie giornate passate in Cina e per rielaborare al computer le tante ore di filmati girati nelle località visitate.
      Ho letto il tuo post sull’esercito di terracotta e ho lasciato lì un commento.
      Cordiali saluti.
      Nicola

  14. ventisqueras ha detto:

    non importa se non seguo la cronologia dei tuoi post, loro sono sempre interessanti a prescindere-per dirlo alla Totò- anzi mi ripropongo se il tempo me lo concederà di gustarmi tutti quelli che mi sono persa. Leggere le impressioni di un viaggio, fa conoscere molto della personalità di chi lo propone, e luoghi magari visti con i tuoi occhi e col tuo pensiero ti si aggiustano meglio addosso, come un abito che ti si aggiusta su misura.
    grazie mille

    • Nicola Losito ha detto:

      Sei troppo gentile, ventis.
      Sono d’accordo con te: ogni viaggio è un abito che il turista si cuce addosso usando come stoffa i personali ricordi e le proprie passioni.
      Un caro saluto.
      Nicola

  15. Teresa ha detto:

    Solo adesso ho avuto un po’ di tempo per godermi il racconto della tua ultima puntata del viaggio in Cina. L’ho trovato molto interessante e mi è servito da relax. Auguri per il prossimo viaggio!
    Teresa

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...