Attraversando il Perù – 11 – Machu Picchu

Pubblicato: 02/03/2016 in Appunti di scrittura, articolo, cultura, curiosità, filmato, Fotografia, reportage, Società, Viaggi, video
Tag:, , , , , , ,

Lunedì 7 Settembre 2015, Yanauara (Urubamba)

Anche se il programma odierno prevede una sola visita, tutto l’intrepido gruppo, alle 7 di mattina, con le valige appresso, è già pronto ad affrontare la visita clou del nostro tour: Machu Picchu. Si parte presto perché non è semplice arrivare nel sito più rappresentativo dell’antico Perù. Il pulmino ci accompagna alla stazione di Ollantaytambo dove prenderemo il treno per Aguas Calientes, poi, da lì, prenderemo un bus che, attraversando per qualche chilometro la foresta amazzonica, ci porterà – finalmente – all’ingresso del Machu Picchu che, in lingua quechua vuol dire “vecchia cima”.

Ma procediamo con ordine. Lasciato l’albergo La Hacienda del Valle:

1322 albergo di Valle Sacra

arriviamo a Ollantaytambo dove c’è la stazione ferroviaria:

1327

1339

Durante il viaggio abbiamo quasi sempre la compagnia del fiume Urubamba, acque sacre per il popolo inca:

1348

Vediamo montagne, campi e terrazzamenti coltivati:

1343

1391

Dopo circa un paio d’ore arriviamo a Aguas Calientes:

1372a aguas calientes

A piedi raggiungiamo la stazione degli autobus per Machu Picchu:

IMG_1263

Gli autisti dei piccoli bus sono piuttosto bravi,

1386

perché la strada è sterrata, stretta e a doppio senso di marcia:

1398

Dopo mezz’ora di sobbalzi, pericolose curve e azzardate precedenze a bus che viaggiano in senso opposto lungo la via che attraversa per circa otto chilometri la foresta amazzonica, finalmente arriviamo davanti alla biglietteria di Machu Picchu:

1399

e qui inizia lo spettacolo! Vista nell’immaginario collettivo come i resti di un’antica e fascinosa città perduta, questa località è oggi universalmente conosciuta sia per le sue imponenti e originali rovine, sia per l’impressionante vista che si ha sulla sottostante valle dell’Urubamba, circa 400 metri più in basso. Da Wikipedia leggo che Machu Picchu fa parte dei Patrimoni dell’umanità stilati dall’UNESCO: eletto nel 2007 come una delle Sette meraviglie del mondo moderno. È il terzo sito archeologico più grande del mondo dopo gli scavi di Pompei e Ostia Antica. In un anno moltissime persone visitano le rovine e l’UNESCO ha espresso preoccupazione per i danni ambientali che un tale volume di turisti può arrecare al sito. Le autorità peruviane, che ovviamente ricavano dei notevoli vantaggi economici dal turismo, sostengono che non ci siano problemi e che l’estremo isolamento della valle dell’Urubamba sia, da solo, sufficiente a limitare il flusso turistico. Inoltre centinaia di operai, giornalmente, si adoperano per curare il verde e tenere pulito l’ambiente. Con i miei occhi ne ho visti alcuni che, muniti di spazzolini da denti e piccole spugne, erano intenti a togliere muffe da alcuni massi di una costruzione.

Ma lasciamo parlare le immagini:

IMG_1271

IMG_1274

IMG_1280

IMG_1285

IMG_1291

IMG_1293

IMG_1296R

IMG_1301

IMG_1323

IMG_1309

IMG_1310

1411b

Giriamo all’interno della fortezza fino all’una, giusto il tempo di percorrere in lungo e in largo questo splendido sito archeologico e di scattare centinaia di foto e girare parecchie riprese con la videocamera. All’uscita, in attesa del bus che ci riporterà a Aguas Calientes, facciamo un veloce spuntino al bar vicino alla biglietteria. Per concludere, vi cito solo che Machu Picchu fu scoperto nel 1911 da Iram Bingham:

IramBingham

che lo trovò praticamente invaso dalla prepotente vegetazione amazzonica:

Machu Pichu Scoperta

mentre oggi, dopo anni di lavori, è così:

background-machu-picchu

Ritornati a Aguas Calientes, visitiamo questa piccola cittadina di circa 3000 abitanti, annidata all’interno della profonda valle sottostante Machu Picchu e circondata da alte mura di pietra e dalla foresta amazzonica:

1527

Aguas Calientes

DSCN3991

Pachacutec

1550

Di nuovo saliti sul treno panoramico che percorre tutta la Valle Sacra, questa volta non scendiamo a Ollantaytambo ma proseguiamo per la stazione di Poroy:

Poroy

Poroy

dove ci attende il nostro pulmino per condurci a Cusco, meta finale del tour in Perù:

CuzcoPanorama_1

Cusco

L’albergo dove passeremo due notti e l’Eco Inn, distante un quarto d’ora a piedi dal centro della città:

Hotel Eco Inn 5- Cusco

Hotel Eco Inn 4- Cusco

Purtroppo siamo tutti molto stanchi e, dopo la cena, andiamo subito a dormire. La visita della città è rimandata a domani…

Chi vuole approfondire la conoscenza di Machu Picchu con il video riepilogativo della giornata, basta che clicchi con il mouse sull’immagine che segue:

cuzco12

Arrivederci alla prossima puntata!

Nicola

Crediti: le foto, al solito, sono di Barbara, Sergio, Giorgio e Chicca. Alcune foto di repertorio le ho scaricate da Internet. Il filmato è mio.

 

 

 

Annunci
commenti
  1. Valentina M. ha detto:

    Impossibile non notare la cura e l’ordine regnanti.
    Che meraviglia

    • Nicola Losito ha detto:

      Raggiungere Machu Picchu non è semplice, ma, una volta arrivati lì, il fascino del luogo fa dimenticare la fatica e qualsiasi altro disagio dovuto all’altitudine.
      Nicola

  2. domenicomortellaro ha detto:

    Nicola, che splendidi i tuoi reportage!
    karasho.org se ti va passa a fare un salto

  3. tramedipensieri ha detto:

    Mi dice Video non disponibile….ma ci riprovo più tardi 🤔

    Fa vo lo sa…e non dico altro!

    Un po t’invidio, sallo! 😂

  4. sherazade ha detto:

    Posso dire che vi INVIDIO mooolto!?
    Shera

    Ps la stessa cura che poniamo noi italiani per le nostre opere disastrate e pericolanti😰

  5. stravagaria ha detto:

    E certo che clicco sull’immagine, già le foto sono spettacolari, chissà il video…dal vivo poi deve essere mozzafiato!

    • Nicola Losito ha detto:

      Machu Picchu è bello anche per l’atmosfera che si respira lì tra quelle antiche mura. C’è gente in giro ma le voci si perdono in quell’immensità. Così ti sembra di essere solo e puoi scegliere dove posare lo sguardo.
      Nicola

  6. stravagaria ha detto:

    PS. YouTube mi dice: “questo video non è disponibile” però ci sono 13 visualizzazioni. Possibile?

  7. ventisqueras ha detto:

    siamo arrivati infine all’apice, all’eccelso a quello che più oltre non si può andare, oltre tutto ebbi la gioa di vedere anche molte bellissime varietà di orchidee…è uno dei pochi luoghi al mondo dove tornerei tralasciandone altri ancora da vedere
    grazie per tutto questo bellissimo ricordare! 🙂

    • Nicola Losito ha detto:

      Hai ragione, cara Ventis. Qui sembra proprio di essere in cima al mondo. Gli inca che scelsero questo luogo, così impervio e nascosto, avevano un’idea precisa di ciò che significa bellezza, grandezza, sicurezza.
      Cordiali saluti e a presto. Manca poco alla fine del viaggio.
      Nicola

  8. Sartenada ha detto:

    How beautiful set of gorgeous photos. I love them.

  9. remigio ha detto:

    Spettacolo magnifico! Buona vacanza

  10. mariella1953 ha detto:

    Fantastico!che bel viaggio !
    Il video non si apre,mi sono pure iscritta al tuo canale e proverò ancora
    Buona domenica☕️☕️☕️

    • Nicola Losito ha detto:

      Ciao Mariella! Ho controllato tra le specifiche di YouTube e ho letto che il filmato non è riproducibile su alcuni cellulari e su alcune piattaforme, ma non indica quali. Per vederlo tranquillamente occorre un computer abbastanza potente, cioè con una buona Ram (almeno 4 gigabyte) e una buona scheda grafica, dato che il filmato è corposo (sui 500 megabyte) ed è in HD (alta definizione).
      Buona domenica anche a te.
      Nicola

  11. Rosanna ha detto:

    Che posti meravigliosi avete visitato! Dopo che ci avrai descritto Cusco, potremo dire di aver partecipato anche noi al viaggio, tanto lo descrivi bene con parole, immagini e video.
    Grazie, un caro saluto e un abbraccio
    RaRo

    • Nicola Losito ha detto:

      Hai detto giusto. Il Perù è davvero un bel paese. L’altitudine all’inizio può essere un problema, ma poi ci si abitua.
      La prossima puntata parlerà proprio di Cusco, ultima tappa del viaggio. A breve, poi, seguirà un discorsetto finale che completerà il tutto. Daremo uno sguardo alla popolazione peruviana con una particolare attenzione ai loro bambini.
      Un cordiale abbraccio.
      Nicola

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...