L’amore c’è quando può aspettare la prossima puntata.

Pubblicato: 24/02/2016 in articolo, cultura, curiosità, discussione, freddure, fumetti, psicologia, Signor Giacomo, Società, umorismo
Tag:, , , ,

2016-01-21_ThreeToeSloth_ROW15701191576_1920x1080

Keep attention, people, oggi si parla d’amore!

A mio parere, sbaglia chi dice che l’amore ha sempre fretta, che tutto, in amore, deve essere consumato subito.
Quando nei film/nella realtà vedo un uomo e una donna che corrono in casa o in albergo baciandosi e spogliandosi a vicenda per consumare immediatamente la grande passione che li avvince, state sicuri che, qualche tempo dopo, i due si lasceranno tirandosi i piatti dietro e pronunciando cattive parole.
Non sempre accade così, ovvio, perché nulla in ambito sentimentale è catalogabile a priori, salvo, forse, il pensiero che la grande passione amorosa si spegne rapidamente, mentre l’amore (quello vero e profondo) può persino durare tutta la vita.
Sono in molti a dire che sapere aspettare il momento giusto è la formula vincente per creare le basi di un amore duraturo e anch’io credo a ‘sta cosa. Ma qual è il momento giusto, care amiche e amici, in grado di ottenere lo splendido risultato di cui sopra? Qui, purtroppo, casca l’asino, cioè io.
Non sono un esperto di arte amatoria e non ho nessuna dritta da segnalarvi per far sì che l’amore per il vostro partner/la vostra partner viva in eterno, ciò che, con questo breve post, volevo sottolineare è di non dare retta ai vari guru che cercano d’intortarvi con le loro formulette magiche, ma di cercare da soli il modo migliore per tenervi stretto per sempre l’uomo/la donna che vi siete scelti, usando quei pochissimi attrezzi che tutti possediamo:

•    L’intelligenza (cioè capire che nessuno a questo mondo è perfetto)
•    La pazienza (cioè mettersi ogni volta nei panni dell’altro/altra)
•    Il perdono (cioè dare una seconda possibilità a chi ha sbagliato)

Solo così agendo è quasi sicuro che nella prossima puntata la donna/l’uomo della vostra vita ci sarà ancora.
Termino il post odierno con alcuni pensieri e considerazioni sull’amore che frullano nella testa del Signor Giacomo, un ometto simpatico che ha sempre avuto qualche problemino con le donne:

Striscia18G

 

Striscia42G

 

Striscia72G

 

Striscia73G

Arrivederci alla prossima puntata.

Nicola

P.S. La bellissima immagine del bradipo l’ho scovata su Internet. Allo sconosciuto autore va tutto il merito.

Annunci
commenti
  1. stravagaria ha detto:

    La più bella frase che mi sono sentita dire? “Tu sei nata perdonata” ecco, secondo me sapere che l’altro non ti mette in discussione è un requisito fondamentale… Buona giornata, Nicola!

    • Nicola Losito ha detto:

      Beh, cara Viv, meglio di così non poteva andarti. Evidentemente avevi e hai quel “quid” (quel requisito) salvifico che smorza sul nascere quelle discussioni che, molto spesso, degenerano in guerre senza fine che non portano a nulla di buono. Fortunata donna! 😉
      Buona giornata anche a te.
      Nicola

  2. Il giovane Holden ha detto:

    In una società che è della serie tutto e subito, il tuo post mi è particolarmente piaciuto. E poi ha dato dei consigli importanti ma che possono risultare scontati, forse questo è il problema di troppe coppie, si dà tutto per scontato.

    • Nicola Losito ha detto:

      Esatto, i guai di cui soffriamo oggi derivano tutti dall’avere fretta, da non avere pazienza e da non sapere perdonare. E dall’avere messo a riposo l’intelligenza.
      Nicola

      • sherazade ha detto:

        Credo di essere normodotata e di avere più che un pizzico di intelligenza e tuttavia l’amore quello vero quello non angelicato nasce dalla passione dal sentirsi desiderati e non tanto dall’essere compresi e blanditi.
        Shera

      • Nicola Losito ha detto:

        E’ indubbio che la passione sia l’aspetto più forte e vivace dell’amore, ma come ben sai, la passione non vive in eterno, dietro o insieme ci deve essere qualcosa d’altro per potere far durare una relazione. Quando la passione scema bisogna sapere utilizzare i tre attrezzi di cui parlo nel post. Altrimenti i piatti volano… 😀
        Nicola

      • sherazade ha detto:

        Vivo la passione come elemento imprescindibile dell’amore
        La passione non è solo sesso ma emozionarsi ogni volta e non dare nulla per scontato.
        Sherabientot

      • Nicola Losito ha detto:

        Concordo con te che passione e amore debbano fondersi e confondersi: il mio augurio è che questa benefica accoppiata sappia trovare nella coppia che la sta vivendo la forza di continuare per le future mille e passa puntate.
        Il mio è un augurio sincero e partecipato, cara Shera.
        Nicola

      • Il giovane Holden ha detto:

        Condivido pienamente!

    • sherazade ha detto:

      Caro giovane spesso fa comodo tirare in ballo Bauman ei suoi studi sulla liquidità dei sentimenti della società e via discorrendo…
      Io sono più ottimista pur non essendo più giovane e penso che sperimentare in amore dia maggiori chance di vivere sereni e appagati al momento opportuno.
      Sherabientot

      • Il giovane Holden ha detto:

        Attenzione, io non voglio precludere niente a nessuno. Il mio discorso era riferito a quelle persone che si dichiarano amore eterno e poi? Boh, finisce tutto in un lampo. Adoro chi non si pone limiti in amore, ma non quando viene calpestato.

      • sherazade ha detto:

        Caro giovane tu parti dal punto preconcetto che chi si dichiara amore eterno sia in malafede !
        L’amore è eterno nella misura in cui viene vissuto ed è infinito fintantoché l’infinito si perde i mille gineprai che alla fine lo costringono!
        Sherabbifiducia

      • Il giovane Holden ha detto:

        Assolutamente no. Ma preferisco che una volta dichiarato, lo sia per davvero. In poche parole, l’amore è eterno finché dura. Sarò anche un sognatore però lo trovo un po’ triste.

      • sherazade ha detto:

        Io per niente e la riprova è che io con i miei tre amori mi sento pienamente realizzata 😊

      • Nicola Losito ha detto:

        Non so cosa ne pensi il giovane Holden, però anch’io concordo con te sul fatto che in amore occorre sperimentare, ma questa sperimentazione a un certo punto deve pure avere una fine, altrimenti vuol dire che nei vari tentativi di trovare il meglio non si è imparato nulla… 😀
        Nicola

      • sherazade ha detto:

        Ecco qui concordo però noi vecchietti sappiamo che vi sono momenti (almeno x me) di grande affermazione e dunque perché modificarli ?
        Shera

      • Nicola Losito ha detto:

        Non si pretende di modificarli, ma di fare in modo che quei grandi momenti di cui tu parli siano la base di partenza e non di arrivo di una relazione. Altrimenti si tratta unicamente di puro e semplice sfogo dei sensi.
        Nicola

      • sherazade ha detto:

        È un punto di partenza. Il termine’sfogo’ è piuttosto umiliante e cattolicheggiante’ . Saluti

      • Nicola Losito ha detto:

        Cara Shera,
        non mi riferivo certo a te ma a quelle persone (maschi e femmine) che si fermano alla superficie del rapporto amoroso. Finito “lo sfogo” tanti saluti e sotto con la successiva esperienza. Queste sono le persone in cui l’amore non c’è perché non sanno aspettare la prossima puntata. Se invece la passione è il punto di partenza, di sicuro è la benvenuta. La passione amorosa, è cosa nota, non dura in eterno e allora va controllata, coltivata, affinché si trasformi in qualcosa che io chiamo “amore maturo”, quel sentimento che è in grado di legare una coppia per sempre. Purtroppo oggi, da quel che si vede in giro o si legge sui giornali, l’amore maturo ha pochissima audience. Tutto questo avviene senza bisogno di scomodare la religione, ma in puro spirito laico.
        Cordiali saluti e a presto.
        Nicola

  3. sherazade ha detto:

    Non vorrei che si confondesse la passione con l’amore .
    La passione è ingordigia e ti riempie, l’amore fa va assaporato ma ha anche una controindicazione, assaporandolo scopri dei retrogusti ed allora cerchi di migliorare oppure alla fine butti via tutto e come diceva mio nonno vai al ristorante.
    Avere pazienza perdonare immedesimarsi nell’altro sono capacità che variano da persona a persona.
    L’amore vale la pena di essere vissuto a mio avviso finché ci si sta bene dentro, quando cominciano troppi compromessi allora non è più amore ma diventa una società per i figli, per la paura della solitudine, per tante altre cose, ragioni…
    E qui pongo una domanda al signor Giacomo meglio qualche giorno da leone/passione o una vita da pecorone?
    Sherapasssionevaservotacalda

    • Nicola Losito ha detto:

      Cara Shera,
      l’amore vero non è mai cieca acquiescenza o frutto di mille compromessi, l’amore è condivisione di interessi diversi ed egualmente importanti. L’amore è avvicinamento di due personalità diverse che devono imparare a convivere.
      D’accordo con te che non si va avanti a soli compromessi, troppi passi indietro di uno e dell’altra non vanno bene: in tal caso è meglio chiuderla lì, anche per non fare troppo male ai figli. Quello che noto, purtroppo, nella società di oggi, è che basta un niente per fare saltare un matrimonio. E’ sufficiente un piccolo screzio perché due persone si lascino. A questi, e solo a questi, io suggerisco intelligenza, pazienza e perdono.
      Il Signor Giacomo è una macchietta (anche se, nella realtà, esistono dei tipi come lui), è un misogino convinto, si piace e gli piace piacere. Non ama le donne perché le ritiene troppo impegnative. E’ un tipo simpatico, ma da prendere davvero con le molle. Somiglia a me solo fisicamente, ma molti dei suoi pensieri sono solo divagazioni fatte giusto per strappare un sorriso.
      Tutti vorremmo avere (e forse abbiamo avuto) qualche giorno da leone, ma poi la vera vita, quella normale, deve svolgersi su binari più tranquilli… e senza belati. 😉
      Cordiali saluti.
      Nicola

  4. Valentina M. ha detto:

    Niente di più vero.
    Peccato siano davvero in pochi a spingersi oltre l’altare del proprio ego e capire che comprensione e perdono siano importanti quanto la tanto inneggiata complicità.

    • Nicola Losito ha detto:

      Non ho, volutamente, parlato della tanto celebrata “complicità” nell’interno della coppia, perché la ritengo un attrezzo a doppio taglio. Troppe volte questa particolare (e importantissima) corrispondenza di amorosi sensi viene vista come “unicità” di pensiero. E io credo pochissimo al “pensiero unico” sia in politica che in amore. 😉
      Non so se mi sono spiegato.
      Nicola

  5. Teresa ha detto:

    Eros e agape sono due diverse facce dell’amore che in greco vengono giustamente indicate con parole diverse. Sta ad una coppia ben assortita creare le condizioni dell’agape senza dimenticare ogni tanto un po’ di eros, anche dopo 44 anni di matrimonio.Teresa

    • Nicola Losito ha detto:

      Cara Teresa,
      confesso la mia ignoranza e, prima di risponderti, ho cercato di documentarmi sulla terminologia da te usata per definire l’amore. Ciò detto, concordo pienamente con te. Per non lasciare dubbi a chi butta l’occhio anche sui commenti, gironzolando su Wikipedia si legge che “Gli antichi Greci hanno individuato quattro forme primarie di amore: quello parentale-familiare, l’amicizia, il desiderio erotico ma anche romantico (eros), infine l’amore più prettamente spirituale (agape). Una tale ampiezza di usi e significati, in combinazione con la complessità dei sentimenti che coinvolgono i soggetti che amano, possono rendere particolarmente difficoltoso definire in modo univoco e certo l’amore, rispetto ad altri stati emotivi.
      Nell’ambito della psicologia l’amore consiste in un rapporto duale basato su uno scambio emotivo generato dal bisogno fisiologico della gratificazione sessuale e dal bisogno psicologico dello scambio affettivo. L’amore nelle sue varie forme agisce come un importante facilitatore nella relazione interpersonale e, data la sua importanza psicologica, è uno dei temi più comuni trattati nelle arti creative (pittura, scultura, scrittura); può infine essere inteso anche come un modo per tenere uniti gli esseri umani contro le minacce provenienti dall’ambiente esterno e per aiutare la riproduzione umana e la conseguente continuazione della specie.”
      Mi paiono dei concetti chiari e condivisibili che possono spiegare come, anche dopo 44 anni di matrimonio, in una coppia ben assortita, possa succedere che l’amore sussista ancora.
      Cordiali saluti.
      Nicola

  6. quarchedundepegi ha detto:

    Bello. Posso solo aggiungere che “tutto è relativo”.
    Buona notte.
    Quarc

  7. tramedipensieri ha detto:

    Rifletto su quanto scritto su…. “ma di cercare da soli il modo migliore per tenervi stretto per sempre l’uomo/la donna che vi siete scelti…”

    Comunque il Sig. Giacomo è imbattibile! Mi fa morire dal ridere, sempre! 😀

    buona giornata
    .marta

    • Nicola Losito ha detto:

      Ottimo e condivisibile spunto di riflessione, cara .marta.
      In amore, cercare di fornire delle leggi valide per tutti è tempo perso.
      Il Signor Giacomo s’inchina e ringrazia… visto pure che sei l’unica ad esserti accorta della sua esistenza. 😀
      Buona giornata anche a te.
      Nicola

  8. simona ha detto:

    Buongiorno Nicola,

    direi che i tre “attrezzi” indicati sono davvero splendidi e utilissimi, però -nella mia poca esperienza- non sempre facili da adoperare al momento giusto e in combinazione. Mi capita sovente di prendere atto (con quel po’ di intelligenza di cui il buon Dio mi ha dotata) che sono totalmente imperfetta e quindi è sacrosanto che anche il mio compagno lo sia. Poi cerco di mettermi nei suoi panni, grandi e grossi, ma la pazienza non mi basta mai per starci a lungo quanto dovrei (per capire tutto bene) e alla fine decido di perdonarlo, il cuore è d’accordo e la testa pure, poi però in un angolino di quest’ultima viene un pensiero: tenerlo un po’ sulla graticola non sarebbe male… 😉

    Simona

    • Nicola Losito ha detto:

      Cara Simona, mi piace l’atteggiamento positivo e propositivo con cui hai affrontato e affronti la tua situazione sentimentale. Nel finale del tuo commento, poi, ci vedo un pizzico d’umorismo e questo non guasta mai… 😉
      Il tuo Lui, se ha un minimo di comprendonio, farebbe bene a tenerti stretta stretta.
      Un cordiale saluto.
      Nicola

  9. tachimio ha detto:

    Mi pare sia stato detto abbastanza da rifletterci su, come Marta, tranquillamente e serenamente. Detto ciò trovo che tu abbia inquadrato bene il nocciolo della questione: il lasciarsi alle prime difficoltà. Come te penso allora di suggerire anch’io, intelligenza, pazienza, perdono. Un saluto affettuoso ( con ciò non pensi male ) al sig. Giacomo sempre gustosissimo nelle sue affermazioni. A te caro Nicola un abbraccio. Isabella

    • Nicola Losito ha detto:

      Esatto, cara Isabella, il nocciolo duro del mio post verteva proprio sul fatto che oggi le coppie scoppiano con una facilità estrema e questo a me dispiace. In alcuni casi lasciarsi è l’unica soluzione intelligente per salvarsi da una vita grama, ma nella maggioranza dei casi l’unione si rompe perché, per mille e una ragione, l’uno o l’altra hanno trovato (o pensano di avere trovato) un partner migliore. Sarà vero? Ai posteri l’ardua sentenza.
      Finalmente ho visto sorridere il Signor Giacomo: un’altra persona si è accorta di lui… 😀
      Cordiali saluti.
      Nicola

  10. giselzitrone ha detto:

    Liebe Grüße und einen schönen Donnerstag liebe Grüße von mir Gislinde

  11. ventisqueras ha detto:

    l’amore…questo mistero indefinibile e insieme chiaro e scuro, come ogni lato della vita
    Fuori di vista? E con ciò?
    Guarda l’Uccello – lo raggiunge!
    Curva su Curva – Svolta su Svolta –
    Attorno all’Aria Scoscesa –
    Il Pericolo! Cos’è per Lui?
    È meglio fallire – là –
    Che disputare – qui –
    L’Azzurro è Azzurro – in tutto il Mondo –
    L’Ambra – Ambra – la Rugiada – Rugiada –
    Cerca – Amico – e vedrai –
    Il Cielo ha timore della Terra – questo è tutto –
    Timido Cielo – i tuoi piccoli Amanti –
    Si nascondono – anch’essi – a te –
    Emily Dickinson

    bel post tutto da scervellarsi per non venire a capo di niente…he he
    saludos

    • Nicola Losito ha detto:

      Il problema, cara Ventis, è che nessuno può affermare di avere in mano la formula giusta per potere assicurare la durata di un matrimonio o di una convivenza. In amore sono tante (troppe) le variabili in gioco e queste fanno sì che ogni coppia che nasce sia un caso a sé. Di sicuro però, con i tre attrezzi che ho elencato a cui si può aggiungerne un quarto : la complicità, una qualche probabilità in più di arrivare indenni a festeggiare le nozze d’oro o di diamante ci sono. Molti, oggi, si accontentano di visionare un numero limitato di puntate, per poi passare a un’altra “fiction”. 😀
      Splendida la poesia di Emily Dickinson.
      Un abbraccio e a presto.
      Nicola

  12. SISSA ha detto:

    Strano, stranissimo post questo tuo… l’ho lasciato in sospeso qualche giorno per meditarci su: a una prima frettolosa lettura mi era sembrato che mi sfuggisse un titolo di libro, un film, insomma qualcosa da cui tu di solito prendi le mosse… Invece no: tranquillo, senza occasioni speciali, avevi solo voglia di parlar d’amore, romanticone!!!!!
    Ho molto apprezzato Giacomo, come sempre pronto a cogliere il senso ultimo dell’esistenza che è molto ma molto vicino a dove siamo noi tutti, piccoli umani!!!!
    Grazie per la feconda riflessione che ho potuto fare: me, non mi beccano più!
    E complimenti per la scelta del bradipo: il suo sorrisetto simpatico sembra prenderci in giro un po’ tutti.. ma che volevi veramente dire?.
    A presto
    sis

    • Nicola Losito ha detto:

      Lo spunto me l’ha dato il can can che c’è oggi sulle “unioni civili”, quando in realtà oggi, più che altro, stiamo vivendo il problema delle “disunioni” civili e religiose. I matrimoni, le convivenze, sono ormai quasi tutte a tempo determinato (varia solo il numero degli anni in cui due stanno insieme). Un po’ come il lavoro. Niente è definitivo, tutto è precario. A me, uomo di mentalità sorpassata (un retrogrado, come mi chiama qualcuno) la cosa dispiace.
      Però, visto che il senso dell’umorismo non mi manca, ho pensato che guardare i disastri odierni con un pizzico di ironia ci possa anche stare. Vedi mai che una bella risata faccia rinsavire le coppie moderne.
      Il bradipo con la sua bruttezza certificata non poteva che essere il testimonial adatto all’esprit di questo post di fine febbraio. 😀
      Un caro saluto.
      Nicola

  13. remigio ha detto:

    Diceva Balzac che l’amore è un lusso. Quindi, aggiungo io, non tutti se lo possono permettere. Ciao Nicola

    • Nicola Losito ha detto:

      Lapidario quanto veritiero quel pensiero di Balzac. Però come spiegare il fatto che la parola “amore” è sulla bocca di tutti e tutti dicono di professarlo con passione e rispetto?
      Strano davvero questo nostro mondo nell’anno 2016.
      Nicola

  14. mariella1953 ha detto:

    Attrezzi senza i quali un’unione non può durare
    Simpaticissimo il signore Giacomo con il suo cerotto!!
    Buona domenica ☔️☔️☔️☔️

  15. ili6 ha detto:

    Intelligenza, pazienza, perdono, sicuramente, aggiungerei anche rinuncia, che alla fin fine significa scelta. Scelta di continuare rinunciando ad altro. Perchè l’amore è anche rinuncia, cosa che le giovani coppie non sono disposti a fare assolutamente. Rinunciare a certe abitudini per abbracciarne altre insieme, naturalmente. E magari belle 🙂 insomma, detta così un matrimonio può sembrare una sventura. L’allegria non deve mai mancare!
    Simpaticissime le strisce, bravissimo 🙂

    • Nicola Losito ha detto:

      Cara Marirò, grazie per avere completato il quadro degli “attrezzi” utili per rendere duraturo un rapporto di coppia. In effetti quando si instaura un rapporto, ognuno dei due deve rinunciare a una piccola parte delle proprie libertà individuali per creare l’armonia nella convivenza fra quattro mura. Rinuncia che non deve essere sopraffazione di un partner rispetto all’altro, ma scelte accettate e condivise. E poi, sì, importante è l’allegria: se non c’è questa, che vita è?
      Un cordiale abbraccio.
      Nicola

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...