Attraversando il Perù – 8 – Puno e il lago Titicaca

Pubblicato: 13/01/2016 in Appunti di scrittura, articolo, cultura, curiosità, filmato, reportage, Società, Viaggi, video
Tag:, , , , , , , , , ,

Venerdì, 4 Settembre 2015, Puno.

E’ la prima volta, in Perù, che dormiamo a una certa altitudine e, per quel che mi riguarda, non è stata una gran bella notte: ho avuto difficoltà di respirazione e mi sono svegliato parecchie volte per andare in bagno. Così, alle 6.30 quando è suonata la sveglia, non mi sento granché in forma, ma, sollecitato dalla mia signora, faccio buon viso a cattiva sorte e mi preparo per scendere a fare colazione in albergo e lì, come prima cosa, mi bevo quell’infuso salvifico a base di acqua calda e foglie di coca che, a detta della guida, dovrebbe darmi nuova energia per affrontare la giornata. In realtà non provo nessuna scossa elettrica al fisico poiché la cosiddetta mate-coca che danno gratuitamente ai turisti nei bar degli alberghi altro non è che una tisana calda. Comunque sia, alla fine di un’abbondante colazione, ogni malessere è scomparso e mi sento pronto per partire. Alle 7.30 arriva la guida con il pulmino per portare l’intrepido gruppo a un imbarcadero sul lago Titicaca. Qui saliamo su un piccolo battello che ci condurrà alle islas flotantes, (isole galleggianti) abitate dagli Uros, una comunità che, secoli fa, per sfuggire alle aggressioni degli inca, le costruirono utilizzando canne galleggianti totora che si trovano in abbondanza nello stesso lago.

Le canne tendono a marcire nel tempo per cui gli Uros di tanto in tanto devono provvedere a tagliarne di nuove e a disporle sopra le vecchie. Quando sbarchiamo su una delle isole (fino a oggi se ne contano 87) sta piovendo ed è un pochino problematico camminarci su. Sembra di essere, se mi è permesso il paragone, su un materasso ad acqua, per cui occorre stare attenti a non cadere o a inciampare malamente. Veniamo accolti da un gruppo di simpatiche signore abbigliate nei loro costumi tradizionali molto colorati e condotti all’interno di una loro casa tipica (una capanna costruita con canne), dove ci viene spiegato in lingua aymara (con traduzione simultanea da parte della guida) come vivono e cosa mangiano gli appartenenti alla comunità.

Le due precedenti foto sono tratte da Internet in quanto la pioggia ci ha impedito di farne di nuove al nostro arrivo. Solo verso la fine della visita il tempo è cambiato e ci ha permesso di prendere qualche istantanea prima di ripartire con il battello:

IMG_0971

Questo è il pavimento delle isole galleggianti: un tappeto di canne…

IMG_0974

IMG_0977

Questa bella e sorridente signora Uros ci sta spiegando il metodo usato per costruire l’isola e far sì che non affondi. In un’estesa riserva ecologica presente nel lago:

IMG_0998

IMG_1004

essi tagliano e raccolgono un certo numero di parallelepipedi galleggianti (altro non sono che le radici delle canne stesse):

0626

Legando fra loro questi parallelepipedi, ottengono un insieme galleggiante piuttosto robusto:

Con le canne formano delle fascine e le sovrappongono ai parallelepipedi, alternandole come direzione in modo da non lasciare spazi vuoti, ottenendo così il pavimento su cui muoversi. Man mano che, a causa della pioggia, le canne del pavimento marciscono, aggiungono delle nuove fascine e la vita dell’isola può continuare. Queste piattaforme galleggianti vengono ancorate come una qualsiasi nave, altrimenti il vento e le correnti del lago le sposterebbero velocemente dalla loro posizione di partenza. Una torre di vedetta permette di controllare la situazione logistica della propria isola e delle isole vicine:

0606 ISOLA UROS

0612

0613

La barca che si vede nella foto (anch’essa fatta di canne e quindi soggetta a deperimento) viene usata per la pesca, attività che fornisce gran parte del cibo giornaliero di questa popolazione. Vicino alla radice le canne totora sono commestibili e la guida, per dimostrarlo, ne ha staccato un pezzetto e se l’è mangiato. Poi ne ha offerto un po’ anche a noi… ma tutti abbiamo cortesemente rifiutato. Sorpresa

Di barche ce ne sono di vario tipo e vengono adoperate per far fare ai turisti, a pagamento, dei giri sul lago:

0617

Gli Uros per le attività giornaliere usano invece barche più moderne, spesso motorizzate e meno deperibili…

IMG_0997

Ecco l’interno di una casa:

0623c

Un bar per turisti con un tetto più solido:

0618

0629

0631

DSCN3814

Terminata la visita alle isole galleggianti, risaliamo sul battello e facciamo rotta verso l’isola di Taquile, a una ventina di km. da qui. L’acqua del lago Titicaca al momento è quieta e così la moglie del guidatore del battello può dedicarsi in santa pace al suo lavoro di uncinetto:

IMG_0979

Dopo circa due ore di navigazione arriviamo sull’isola:

0640d

0642

Un cartello ci dà il benvenuto e ci avvisa di non regalare caramelle ai bambini e, se possibile, di evitare di fotografarli, a meno di non dare loro una piccola mancia…

Per arrivare nel centro del paese ci aspetta un panoramico sentiero lastricato con una pendenza terribile adatta a persone allenate alle passeggiate in montagna e finalmente capiamo perché la nostra guida porta in spalla una bomboletta di ossigeno! Vi ricordo che qui siamo quasi a 4000 metri sul livello del mare e non poche volte qualche turista ha avuto problemi di respirazione nell’affrontare questa salita:

0661

IMG_0981

0670b

Si capisce che la salita è dura? Con la lingua fuori

Fortunatamente l’intrepido gruppo sopporta bene la fatica e, ancora vivo, arriva al traguardo dove ci aspetta una moltitudine di abitanti dell’isola del tutto indaffarata a lastricare la Plaza de armas. E’ un vero spettacolo vedere buona parte della comunità, uomini e donne, riunita per lavorare insieme a uno stesso progetto e, naturalmente, gratis. C’è chi scava, chi raccoglie in sacchi il sovrappiù di terra, chi taglia le pietre in misura e chi, infine, le posiziona:

0677c

IMG_0988

Sull’isola vive una comunità di circa 2500 persone soggette a un sistema sociale che poggia su 25 autorità (rigorosamente solo uomini) che durano in carica un anno e vengono eletti in piazza per alzata di mano. Anche i turisti presenti sull’isola al momento delle elezioni possono dare il loro voto! Le autorità sono al servizio della comunità ogni giorno per almeno tre ore, mentre per il resto della giornata possono dedicarsi agli affari della propria famiglia. Costoro si riconoscono dal tipico abbigliamento: cappello sopra la cuffia di lana e una larga fascia colorata in vita a cui è legata una speciale borsa. Nella foto sotto se ne vedono tre che sorvegliano che il lastricato venga fatto ad opera d’arte.

0679

Sull’abbigliamento dei taquilegni ci sarebbe da scrivere un trattato, ma, per evitare di dire inesattezze, mi limiterò a brevi accenni. Essendo persone generalmente taciturne essi lasciano che a parlare siano alcuni capi del loro vestiario. Per le donne parlano la mantella copricapo e la gonna: quelle sposate ce l’hanno entrambe nere. Guardate la foto sotto e facilmente scoprirete la donna non maritata:

0688

Per gli uomini dice tutto la cuffia allungata con pon pon e paraorecchie che portano sempre in testa (il cosiddetto chullo). Salvo errore o confusione, se il pon pon pende a destra del viso l’uomo è fidanzato, se pende a sinistra significa che è sposato. Se il pon pon non pende nè a destra nè a sinistra immagino voglia dire che l’uomo è libero oppure che vuole essere lasciato in pace…

0692

0654

Un isolano felicemente scapolo.

Gli uomini, di norma, masticano foglie di coca e quando sono vecchi sulle loro guance si vede un caratteristico rigonfiamento:

0667 

Quasi tutti gli anziani, per sentirsi ancora utili, lavorano all’uncinetto:

0671

0733

Le donne, forse per proteggersi dal freddo, portano un certo numero di gonne e sottogonne che le fanno sembrare più grassottelle di quanto siano in realtà: che sia una malizia di queste parti per attrarre il maschio? I bambini vanno tutti a scuola e hanno la stessa divisa anche se qui non ci sono grandi differenze sociali. Sull’isola ci sono scuole fino alle classi superiori: chi vuole frequentare l’università deve andare a Puno.

Una volta alla settimana in piazza si celebra il baratto, cioè lo scambio di merce. La religione vigente è quella cattolica e il divorzio non è ammesso. Un uomo e una donna possono convivere e avere un figlio senza essere sposati. Il matrimonio è molto costoso in quanto si deve offrire da mangiare a tutta la comunità. Si parla di circa una quarantina di pecore da dare in pasto ai partecipanti alla grande festa di nozze e ogni pecora costa una cifra per loro enorme (circa quaranta dollari). Di solito le nozze delle coppie che convivono vengono organizzate dopo la nascita di un figlio. Da fidanzati o conviventi è possibile lasciarsi ma, una volta sposati non è più permesso. Il coniuge che desidera separarsi deve lasciare l’isola per sempre e andare a vivere altrove.

Pur avendo a disposizione un lago ricco di pesce, la popolazione di Taquile non ama la pesca, preferisce coltivare la terra (la presenza delle terrazze di origine pre-inca ne è il segno evidente) e allevare il bestiame. L’unico albero che attecchisce qui è l’eucalipto, il resto della vegetazione è composto da arbusti tipici di un territorio desertico.

0718

Sull’isola non ci sono ristoranti ma le famiglie a turno ospitano gruppi di turisti dietro il pagamento di una somma piuttosto modesta.

0711

A noi hanno offerto pesce non pescato da loro ma acquistato a Puno, riso in bianco e tre tipi di patate. Una con la buccia marroncina come le nostre, ma più piccola, una dalla buccia viola e un’altra a forma di carota, tutte cotte al vapore. Io le ho assaggiate ma non ce l’ho fatta a finirle: avevano un sapore indefinibile e non propriamente gradito al mio palato che rifiuta cibo sconosciuto. Ma, come ormai sapete, quanto a gusto io non faccio testo.

Terminata la visita a Taquile, non ci resta che riprendere il battello per tornare a Puno. Prima di raggiungere l’albergo, gironzoliamo un po’ nella via principale della città. La strada è piuttosto affollata e con grande sorpresa notiamo che diversi ristoranti sono gestiti da italiani o figli d’italiani, provenienti dal Veneto:

0774a

IMG_1016

Siccome oggi mi sono dilungato troppo, chi vuole approfondire la conoscenza degli Uros e delle loro isole galleggianti, osservare dal vivo la comunità che vive sull’isola di Taquile e dare un’ulteriore occhiata a Puno, una città di circa 180.000 abitanti, può cliccare sull’immagine che segue e guardare il filmato relativo a questa nostra giornata in Perù:

0736

Appuntamento alla prossima puntata!

Nicola

Crediti: le foto di questa puntata, a parte le prime due, sono tutte originali e scattate da Barbara e Sergio, Giorgio e Chicca. Il filmato, come sempre, è stato girato ed elaborato da me.

Annunci
commenti
  1. stravagaria ha detto:

    Veramente affascinanti quelle isole galleggianti, anche se mi chiedo quanto peso possano mai sostenere. E poi che belli i colori degli abiti, i nostri stilisti dovrebbero imparare! Io faccio una gran fatica a trovare golfini che non siano sempre grigi neri marroni o blu… una vera caccia al tesoro 🙂

  2. […] Source : Attraversando il Perù – 8 – Puno e il lago Titicaca […]

  3. Barbara ha detto:

    Caro Nicola,
    un po’ più di entusiasmo noooo????!!!!
    Due realtà così folkloristiche ed uniche come la minoranza etnica UROS e gli abitanti dell’isola di Taquile, sei riuscito a configurarle come un test di reazione alla frustrazione di Rosenzweig.
    Che peccato Niko non trasferire il fascino di queste etnie che vivono sul lago più alto del mondo su tavole galleggianti simili a enormi nidi di paglia e parlano della loro vita “tra l’acqua ed il cielo”.
    La loro incredibile soluzione di vita originariamente nata dall’esigenza di sfuggire ai popoli ostili della terraferma, è diventata una identità unica in tutto il mondo che loro amano e mostrano con orgoglio.
    Anche gli abitanti dell’isola di Taquile, la cui convivenza sociale è scandita dalla condivisione del senso del dovere, e dalle fatiche che gli abiti vivaci e multicolori rendono un po’ fiabesche, sono un esempio di mirabile armonia di una comunità che vive seguendo tre imperativi: non rubare, non restare inoperoso, non mentire. Non esistono infatti forze di polizia ed i problemi vengono risolti da un gruppo di persone elette durante gli incontri domenicali. Gli uomini, abilissimi produttori di fasce di lana quando posano l’uncinetto trasportano sulle proprie spalle enormi carichi, di vario genere, dal punto di sbarco al punto più alto dell’isola. Mi pare siano più di 500 gradini.

    Tutto ciò premesso, il fatto che l’erba potesse essere un po’ scivolosa ti consiglierei di considerarlo un dettaglio.

    Caro Nicola, ogni tanto bisogna proprio volerti bene!!!

    Un abbraccio.
    Barbara

    • Nicola Losito ha detto:

      Cara Barbara,
      prima di risponderti mi sono documentato sul test di Rosenzweig, perché i miei studi su diodi e transistor, basi dell’informatica, non prevedevano simili divagazioni. Dunque ho letto che si tratta di un metodo proiettivo di valutazione della tolleranza alla FRUSTRAZIONE. Il che mi ha portato all’approfondimento delle cause della frustrazione stessa. Wikipedia afferma che “I blocchi o gli impedimenti alla realizzazione di una necessità, possono derivare da fattori ambientali, sociali o endogeni:
      1. Cause ambientali: sono gli ostacoli dovuti all’ambiente fisico geografico che ci circonda Esempio, l’assenza di ombra nel deserto è un ostacolo al suo attraversamento, la lontananza di un luogo impedisce la sua frequentazione continua; il rumore, la mancanza di igiene, il freddo, la cattiva illuminazione dell’ambiente di lavoro, possono essere causa di frustrazione ambientale.
      2. Cause sociali: più difficili da accettare delle precedenti, sono gli ostacoli dati dalle regole sociali, sia di interazione con i propri superiori in ambiente lavorativo, sia di interazione tra minoranze etniche o religiose. Es.: Il capo ufficio che non si interessa delle nostre richieste, la situazione degli italiani sbarcati in America (e in generale di tutti gli emigranti del mondo).
      3. Cause endogene: sono le più difficili da accettare, sono dovute al conflitto tra due bisogni della persona. Es.: nell’adolescente il conflitto tra autonomia e protezione familiare.

      Le cause ambientali e sociali sono studiate anche da altre discipline quali la sociologia. Le cause endogene sono più propriamente studiate dalla psicologia poiché sono derivate dalla complessità interiore dell’individuo che spesso si trova nella situazione conflittuale secondo cui per soddisfare un bisogno deve rinunciare a un altro. In alcuni casi, in particolar modo gli individui affetti da insicurezza sociale, pare che si manifesti sotto forma di atteggiamenti quali megalomania, complessi di superiorità, vanità e presunzione.”

      Senza mettere in ballo sociologia e psicologia, cioè eliminando, nel mio caso, cause sociali e endogene, mi soffermo solo sulle cause ambientali, aggiungendo l’altitudine all’elenco degli ostacoli che potrebbero creare frustrazione. Bene, devo ammettere che durante questo bellissimo viaggio, l’altitudine qualche problemino me l’ha procurato, ma non fino al punto di portarmi al limite patologico della frustrazione. Infatti è bastato bere di mattina e alla sera l’infuso a base di foglie di coca per superare, in gran parte, le problematiche fisiche dovute all’altezza. Quindi mi pare esagerata l’osservazione di partenza del tuo lungo e interessante commento che ti ha portato a concludere che io non abbia apprezzato a sufficienza questa parte del tour. In realtà le due visite della giornata – Uros e isola di Taquile – le ho godute tantissimo anch’io e, se sono stato laconico nel descriverle, è perché, invece del testo, ho privilegiato le immagini di cui ho fatto largo uso nel post, conscio che, spesso, sono loro, più delle parole scritte, a rendere entusiasmante un luogo o una rappresentazione. Chi non potrà mai andare in Perù o chi si convincerà ad andarci, avrà fatto tesoro non delle mie modeste parole, ma della bellezza delle foto (in buona parte tue) scattate in quel giorno e che io ho, ben volentieri, messo a disposizione di tutti gli amici/amiche che frequentano il blog.
      Come sempre, nelle mie descrizioni di viaggio, tengo presente la mia persona e mi piace raccontare anche le difficoltà che ho incontrato girovagando per il mondo. Difficoltà che sono personali, soggettive e legate alla mia età, mentre non sono tali per chi è più giovane o per chi è allenato alle escursioni in montagna come te o tuo marito Sergio.
      Comunque, cara Barbara, cerca di continuare a volermi bene, anche se, a volte, i miei testi deludono il tuo entusiasmo per le bellezze che ci circondano. 😀
      Contraccambio di cuore l’affettuoso abbraccio.
      Nicola

      • barbara ha detto:

        Caro Nicola, ho apprezzato molto la ricchezza della tua risposta. La tua voglia di approfondire, il tuo amore per i dettagli sono due doti decisamente affascinanti. Il mio bene per te sarà sempre al massimo e incondizionato.
        Un abbraccio “canario” a Chicca e a te.
        Barbara

      • Nicola Losito ha detto:

        😉 😉 😉 😉
        Nicola

  4. tachimio ha detto:

    Ammappa che bello e interessante caro Nicola. Quello che più mi ha colpito sono state le isole fluttuanti ( in Provenza come dolce puoi trovare assieme a tarte tatin e altri dolci anche l’ile flottante ). Non so se riuscirei a vivere lì sempre col mal di mare.. Bellissimi colori e simpatiche facce. Un abbraccio. Isabella

    • Nicola Losito ha detto:

      Il Perù è un paese vario e straordinario: averlo percorso in lungo e in largo è stato piacevole e sorprendente anche per me.
      Ogni luogo visitato ha un’impronta particolare che rimane impressa per sempre in memoria. Da non dimenticare che questa popolazione vive a grandi altitudini e questo ha comportato e comporta una notevole capacità di adattamento a condizioni ambientali non sempre favorevoli.
      Contraccambio l’abbraccio.
      Nicola

      • tachimio ha detto:

        Eh già mio caro.Ed è fortunato chi senza problemi di respiro arriva ai 4000 metri come voi.Bravissimi.Isabella

  5. giselzitrone ha detto:

    Liebe Grüße und eine gute neue Woche liebe Grüße Gislinde

  6. tramedipensieri ha detto:

    Questo é il post più interessante sul viaggio in Perù ! 😊😊😊
    Un luogo affascinante…mi è piaciuto tantissimo!
    Fotografie e video stupendi!

    Invidio loro il modo di governarsi…una bella democrazia….tranne che l’esclusione delle donne 🙄🙄🙄

    Al prossimo post!
    Un saluto
    .marta

    • Nicola Losito ha detto:

      In questo punto del viaggio cominciamo a scoprire il Perù storico, la parte del Perù che, per mantenere la propria identità e le proprie antiche origini, ha rinunciato alle comodità del mondo moderno. Una rinuncia tranquilla, accettata senza sacrifici particolari. La serenità della popolazione Uros e degli abitanti di Taquile la si legge chiara nei loro volti, sempre sorridenti, nei colori sgargianti delle vesti femminili e nel grande senso di comunità e aiuto reciproco che regna in questi luoghi. Le donne peruviane sono delle grandi lavoratrici (in molti casi, più degli uomini) ma credo che, escludendo la politica, abbiano il vero potere decisionale in casa. Come in ogni parte del mondo, a dire il vero. 😉
      Un caro saluto.
      Nicola

  7. mariella1953 ha detto:

    veramente interessante ,ho letto con attenzione e mi sono gustata le meravigliose foto!
    veramente un gran bel viaggio!
    buona domenica

  8. Caro Nicola, hai scritto proprio un bel post.

    Quando hai raccontato che la guida che vi ha accompagnato sull’isola degli Uros vi ha proposto di assaggiare le radici delle canne mi hai fatto tornare alla mente quella volta in Croazia quando un pescatore locale mi ha fatto scoprire come è buona e dolce la parte bianca della Posidonia, che si trova poco prima della radice di quest’alga.

    Mentre la tua descrizione delle consuetudini prematrimoniali degli abitanti di Tequile ci fa capire come siano saggi alcuni popoli che noi consideriamo Terzo Mondo.

    Se penso che ancora oggi in Italia ci sono persone che non vedono di buon occhio la convivenza, mi cadono le braccia.

    Detto ciò, d’ora in poi, grazie a te, potrò dire che mi rifaccio alla tradizione dell’Isola di Tequile. 🙂

    • Nicola Losito ha detto:

      Evidentemente tu sei più curioso di me circa le specialità locali: non amando molto le verdure, io ho rifiutato gentilmente di assaggiare la parte finale della totora galleggiante… Ma forse sono cosa buona e deliziosa. 😉
      Sull’isola di Taquile la popolazione è molto saggia ma anche forte nei principi e nelle tradizioni. Si respira un’aria di libertà dove questo termine non significa fare ciò che si vuole. Tutti devono impegnarsi per il bene della comunità e chi sgarra non può restare sull’isola, deve andarsene. Anche chi decide di sposarsi deve accettarlo per tutta la vita. In caso contrario, chi lascia la moglie o il marito deve lasciare anche l’isola. Si tratta di regole e principi semplici e basilari, senza astrusi codicilli, che rendono Taquile un’oasi di pace e benessere.
      Un cordiale saluto.
      Nicola

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...