Archivio per la categoria ‘poesia dialettale’

 

Fìiasse na fìgghia levantìnna
di Ignazio De Michele

 

Miagètta de muìin e de cassìna màrsa

cheòtta da in Lùggiu arraggiò

me g’assètou pe aspetàate

coutelèe d’ùumbra che pàan cùgni acciantèe in tà rena

tàggian

prìie riùnde alugèntèe dà risacca

e scoèggi che aspèetan i scupassuìn dou màa

Òrièe èsse quel’asciugamàn cou teu òudùu

Òrièe èsse ù sùu, che se ratèela cou ventu pè bagiàate

de dùnde… a teu pèle l’è giànca cùmm’au lèete

ti m’èmbrièghi

coùme in gòttu de giàncu de Sinque Tèere

appuntelòu cou due ancciùe en toccu de pàn, nèigru

cumme ì teu cavèlli approufumèe de fìggia

e ì teu òeggi, prufùndi

cumme è proufunditèe dùnde ghè ù courallu, rùssu

cumme a teu boùcca quande ti me bàagi

Stelìn.

 

 

Filarsi una ragazza levantina

 

Muretto di mattoni e calce marcia

cotto da un Luglio canicolare

mi ci siedo per aspettarti

Coltellate d’ombra che sembrano cunei piantati nella sabbia

tagliano

pietre tondeggianti rese luminescenti dalla risacca

e scogli, che aspettano gli schiaffoni delle ondate

Vorrei essere quell’asciugamano col tuo odore

vorrei essere il sole, che si bisticcia col vento per baciarti

dove… la tua pelle è bianca come il latte

Mi ubriachi

come un bicchiere di vino bianco delle Cinque Terre

servito con due acciughe e un pezzo di pane, nero

come i tuoi capelli che odorano di donna

e i tuoi occhi, profondi

come le profondità che custodiscono il corallo, rosso

come la tua bocca quando mi baci

Stellina

Annunci

Franco Ferraris – Il calzolaio – olio su tela

Coèiu
di Ignazio De Michele

 

Sùn riuscìu

Dopu tanti sacrifìssi

A famme arrivà a courrente

In tu mè sgabussìn

Veggìnnu ou pòrtu de Zena vèggia

Oddiè, nùn lè bellu ma me fa guagniàa

In toccu de pàn

Pè mì e pàmmè famìggia

Òua u trincettu ù và velùge

E l’aggùggia camminna, pè couggì e scàrpe

Oh adeoviu sempre, u sègu

pe fà scouggià mèggiù ou fìi

Ma òua se vèdde

Deddùnde sùn i cioìn

Ou culùre du coeiu

Ou culùre de mè muèin

Da mì vèegne

U salumèe, u maggellàa, u bezagnìn

Vègne scialocùre, Dolores

A bagàscia che lòua da veggìn au cansèllu dou portu

Me vèu sempre pagàa cuà seu munèa

Ma, a mattìn prima de sciurtì da me càa

Me mettu u gibbounettu e

in sciù ghirindùn ghè mettu u mè coeu

cuscì quande Gina s’addesciàa u capisce

che ulè àncùun u seu.

 

Traduzione:

 

Cuoio

 

sono riuscito

dopo tanti sacrifici

a farmi arrivare la corrente

nel mio negozietto

vicino al porto di Genova vecchia

certo non è bello ma mi fa guadagnare

un pezzo di pane

per me e la mia famiglia

ora il trincetto va veloce

e l’ago cammina, per cucire le scarpe

oh adopero sempre il sego

per far scivolare meglio il filo

ma ora si vede

dove sono i chiodini

il colore del cuoio

il colore delle mie mani

da me viene

il salumiere, il macellaio, il verduraio

viene se occorre, Dolores

la puttana che lavora vicino al cancello del porto

mi vuole sempre pagare con la sua moneta

ma, al mattino prima di uscire da casa

mi metto il giubbotto e

sul comodino ci metto il mio cuore

così quando Gina si sveglierà, capisce

che è ancora il suo